Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Jesolo, allarme alcol ai minorenni: ragazzina 14enne gira con una bottiglia di vodka in mano. Sanzione ai genitori di 200 euro

Mercoledì 10 Agosto 2022 di Giuseppe Babbo
Jesolo, allarme alcol ai minorenni: una 14enne gira con una bottiglia di vodka in mano. Chiuso un minimarket
3

JESOLO - «Lo dico da sempre: il problema non sono i locali, ma i minimarket. Non voglio generalizzare, perché ci sono gestori responsabili che chiedono il documento d'identità a chi hanno di fronte, ma altri no. Ben vengano dunque i controlli». Franco Polato, presidente provinciale del Silb, il Sindacato dei locali da ballo di Confcommercio non poteva essere più diretto. Linea dura contro chi vende alcolici e superalcolici ai minorenni, le associazioni di categoria sposano il giro di vite intrapreso dal Comune.

Ordinanza anti alcol ai minorenni: chiuso un minimarket

Nel corso dell'estate i controlli non sono mancati, al pari di locali e minimarket sanzionati. Sabato un minimarket è stato sanzionato per la seconda volta in poche settimane e per questo verrà chiuso. Ma nella stessa sera gli agenti della Polizia locale hanno fermato un gruppo di minorenni, tra i quali c'era una ragazzina di appena 14 anni che in mano teneva una bottiglia di vodka. Violata l'ordinanza anti-alcol, che vieta appunto di detenere e consumare alcolici in pubblico dopo le 20, ai genitori è stata comminata una sanzione da 200 euro. Ma il dibattito in città ormai è aperto e dalle categorie viene evidenziato come il problema ora sia soprattutto sociale.

«Per i nostri locali è difficile gestire i minorenni - spiega Polato - ed è per questo che già da qualche anno in tutti i locali attorno a piazza Mazzini è vietato l'ingresso ai minori. Nei casi dubbi viene chiesto il documento d'identità e chi non ha la maggiore età non entra. È un modo per risolvere il problema alla radice. E lo stesso avviene all'interno delle discoteche. Lo ripeto, il problema non siamo noi, ma i minimarket, ovviamente non tutti. Credo che la scelta dell'Amministrazione sia giusta. E allo stesso tempo vanno intensificate le attività di sensibilizzazione».

E su questo fronte Angelo Faloppa, presidente di Confcommercio, ricorda come la propria associazione già sia impegnata. «Da anni ribadisce abbiamo avviato delle campagne formative in collaborazione con il Serd dell'Ulss 4 coinvolgendo istituzioni e forze dell'ordine. Un ragazzino che beve un superalcolico non è ovviamente un delinquente, è ovvio che c'è qualcosa che non va alla base. È una situazione che non può essere sottovalutata: noi già facciamo la nostra parte, ma se sarà necessario intensificarle lo faremo, di certo i controlli vanno bene. L'arrivo dei rinforzi tanto richiesti sta dando il proprio risultato».

Nessuna paura poi che i tanti fatti degli ultimi giorni creino un danno d'immagine. «Abbiamo talmente tante richieste - chiude Faloppa - che non riusciamo a soddisfarle tutte. I telefoni suonano in continuazione, la gente vede con fiducia la reazione della città». Sulla stessa scia arrivano le parole di Pierfrancesco Contarini, presidente dell'Associazione jesolana albergatori. «Intanto sfatiamo un mito dice Non è solo Ferragosto ad essere da tutto esaurito, ma questa è una tendenza che dura da luglio e che proseguirà anche per le prossime settimane. Per le forze dell'ordine sono arrivati i rinforzi attesi e di questo non possiamo che ringraziare Prefettura e Questura. Dopodiché va detto che le tre ordinanze del Comune stanno dimostrando di fare effetto: nella zona più calda della città certi fatti si stanno ridimensionando e questo non può che farci piacere. Naturalmente l'attenzione deve ancora rimanere alta. I controlli è giusto che vengano fatti e che continuino. Anche nei confronti del consumo di alcol per i minorenni, anche se ritengo che in questo caso il problema sia ampio e che coinvolga famiglie e mondo della scuola. Non dimentichiamo le chiusure imposte dal lockdown e i ragazzi attaccati ai computer: chissà cosa hanno assorbito in termini di comunicazione in quei momenti».

Ultimo aggiornamento: 11 Agosto, 10:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci