Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dall'Austria a Jesolo per festeggiare i suoi 100 anni: «Questa è la mia seconda casa»

Sabato 18 Giugno 2022
Dall'Austria a Jesolo per festeggiare i suoi 100 anni: «Questa è la mia seconda casa»
1

JESOLO - Ha voluto festeggiare i suoi 100 anni in quella che considera la sua seconda casa, Jesolo. Erwin Wendl ha così rifatto quello che fa ogni anno, da 50 anni, con tutti i familiari: fatto le valigie e partito alla volta della località balneare veneziana, raggiungendo l’hotel Cavalieri Palace dove, ad attenderlo, c’era la città, con il sindaco Valerio Zoggia e l’Associazione Jesolana Albergatori, con la consigliera Silvia Visentin ed il direttore Giorgio Gagliardi.

Festeggia i 100 anni a Jesolo

Il signor Wendl è stato un noto ingegnere austriaco. Il figlio Robert, che ha proseguito con l’attività del padre, gestisce uno dei più noti studi di ingegneria d’Austria. Dopo cinque anni di guerra (combattuta in Russia e Francia), con tutti gli orrori e le gravi ferite che questi hanno avuto, Erwin ha iniziato a studiare ingegneria civile a Graz. Nel 1957, assieme ad Hans Halle, ha fondato lo studio di ingegneria civile Haller-Wendsl e, in oltre 40 anni di attività professionale, ha portato a termine circa 1600 progetti, per un volume d’affare di oltre 2,2 milioni di euro. Ha lavorato a livello internazionale come esperto, tra Argentina, Arabia Saudita, Iran, Oman ed Egitto. Ha progettato anche le ristrutturazioni di vecchi edifici. Grande sportivo, ha giocato soprattutto a pallamano: a soli 16 anni era nella prima squadra di Graz; successivamente ha anche fatto parte della nazionale austriaca. Appassionato di tennis e sci, sport che ha praticato fino a 80 anni. Golfista tutt’ora in attività: lo scorso anno ha giocato nel green di Jesolo. Ha tre figli (la moglie Gerlinde è mancata 19 anni fa), Susanne, Robert e Katrin, quindi sei nipoti e tre pronipoti. Ha sempre amato viaggiare, soprattutto in Italia e negli ultimi anni almeno una volta l'anno ai Cavalieri di Jesolo.

Ingegnere, ma qual è il suo segreto?

«Tanto sport (sono stato anche nella nazionale austriaca di pallamano), esercizi quotidiani di ginnastica e… Jesolo, che di certo ha contribuito a mantenermi giovane. Considerate che qui ci vengo da ben 50 anni».

Si può dire che Jesolo sia la sua seconda casa?

«Certamente: non vieni trattato come un cliente, ma come un ospite, anzi come uno di casa. E sarò contento di poterci tornare anche il prossimo anno. Magari facendo una partita a golf».

Ma cosa le piace di più di Jesolo?

«La spiaggia, il clima, gli hotel e l’ospitalità italiana».fficio Stampa Aja - Fabrizio Cibin - 393 8090822

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci