Ai domiciliari, ma se ne sta al parchetto con gli amici: inseguito e catturato

PER APPROFONDIRE: arresto, inseguimento, mestre
Ai domiciliari, ma se ne sta al parchetto con gli amici: inseguito e catturato
MESTRE - Ieri pomeriggio sono scattate le manette per un napoletano di 24 anni, evaso dagli arresti domiciliari, su cui pendeva un mandato di cattura. Alle 14 circa di ieri, durante l’ordinario servizio di controllo del territorio l’equipaggio di Volante si è imbattuto in un gruppetto di ragazzi seduti nelle panchine del parco giochi di via Torre Belfredo; insospettiti dalla presenza dei tre, tutti italiani, all’interno del giardinetto, i poliziotti si sono avvicinati e hanno proceduto ad un controllo. Dagli accertamenti è risultato che su uno dei tre ragazzi, quello che appariva più nervoso, pendeva un provvedimento di sospensione della misura degli arresti domiciliari per violazione della stessa e un conseguente ordine di carcerazione.

Il ragazzo intuendo che di lì a poco sarebbe stato arrestato e approfittando del momento in cui gli agenti stavano controllando al terminale la sua identità e quella dei compari, se l’è data subito a gambe. È partito, così, l’inseguimento, gli agenti lo hanno rincorso fino a via Spalti e lì lo hanno bloccato e tratto in arresto. Il giovane durante la fuga si è procurato un taglio alla mano e quindi dopo le cure è stato accompagnato in carcere.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 21 Ottobre 2018, 12:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ai domiciliari, ma se ne sta al parchetto con gli amici: inseguito e catturato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-10-22 12:25:41
Ma rimandarlo a Napoli? Questa gentaglia, che delinque, che rende la nostra bella citta' invivibile, che minaccia la nostra liberta' starebbe bene a casa sua. Rimandtecelo a sue spese. Lui e tutti gli altri immigrati! Via da qui!