Travolti e uccisi dal motoscafo Open con motore da 150 cavalli

Il motoscafo investitore e (da sinistra) Renzo Rossi e Nicolino Gavagnin
Uccisi dal motoscafo piombato contro la loro braca. Fine orribile per due pescatori di Castello, Renzo Rossi, 60 anni a dicembre, e Nicolino Gavagnin, 64 anni, infermiere in pensione (GUARDA LE IMMAGINI). Il tragico incidente venerdì notte, attorno alle 23.30, nel canale portale San Nicolò, tra l'isola di Sant'Andrea e l'aeroporto Nicelli del Lido. 

LA TESTIMONIANZA Ivan, l'investitore sotto choc: «Non li ho visti, erano senza luce»

La patanella su cui stavano rientrando verso casa è stata centrata e sventrata da un Open con motore fuoribordo da 150 cavalli, condotto da Ivan Bastasin, 28enne della Giudecca, sostituto gondoliere, che, dai primi riscontri, sarebbe sopraggiunto a forte velocità ed era pure senza targa (LA MODA DI TOGLIERE LA TARGA PER "FREGARE I VIGILI - LEGGI).

E oggi il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, interviene sul caso portando alla luce la difficile gestione delle acque in laguna: competenze troppo spezzettate che vanno unificate. (L'APPELLO DI BRUGNARO AL GOVERNO - LEGGI)


+++ TUTTI GLI APPROFINDIMENTI SUL GAZZETTINO IN EDICOLA OGGI +++
 


L'INCIDENTE VENERDì NOTTE Motoscafo travolge barca di pescatori: 2 morti e 4 feriti
LA POLEMICA Canali scambati per piste sulle quali sfrecciare /I precedenti

IL FENOMENO Il motoscafo era senza targa: la moda di toglierla per pagare multe più basse
DOPO POCHE ORE UN NUOVO INCIDENTE MORTALE IN LAGUNA Nuova sciagura. Onda anomala rovescia il barchino: un morto, 4 feriti


 
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 5 Agosto 2018, 10:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Travolti e uccisi dal motoscafo Open con motore da 150 cavalli
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 46 commenti presenti
2018-08-21 18:24:47
Venezia, città che da quando è amministrata dalla destra legaiola di gigio , è una tra le peggiori città d'Europa. Vergogna Enrico, vergogna. Ciao Enrico, ciao.
2018-08-07 18:04:04
Basta poco:proibire ai mezzi veloci privati di navigare dal tramonto, all'alba.Di notte tutti a dormire.
2018-08-06 21:20:22
E guidare come un pazzo a fari spenti nella notte per vedere Se poi è tanto difficile morire. (Battisti)
2018-08-06 12:40:15
Bisognerebbe accertare la dinamica dei fatti prima di trarre conclusioni. Il fatto di non rispettare i limiti di velocità non è da solo un motivo per incolpare qualcuno. Se è vero il racconto del ragazzo, direi che è molto più irresponsabile fermarsi di notte senza luci in mezzo ad un canale, piuttosto che andare troppo forte. Chi giustamente fa l'esempio dell'auto, deve tenere presente che quel tipo di imbarcazioni ha delle luci che non sono neanche lontanamente comparabili ai fanali di un'automobile. Nel mare, le luci hanno il primario scopo di farsi notare, non di illuminare gli altri.. e per questo la loro presenza è ancor più determinante.
2018-08-07 23:19:05
bravo,concordo. Ci sono troppi commenti fuori luogo e detti da perfetti incompetenti.Io ho esperienza in merito e notturna e so che quello che dici è giusto.