Consegna pizze a domicilio e si scontra con un'auto: in coma rider di 20 anni

Mercoledì 24 Novembre 2021 di Luisa Giantin
L'ospedale di Mestre dove è ricoverato il ventenne in coma
1

MIRA - Scooter della pizza entra in collisione con un auto durante il giro di consegne: il ragazzo, un rider 20 anni, di Mira è ricoverato in gravi condizioni ed in coma farmacologico all’ospedale dell’Angelo di Mestre. Il terribile incidente è avvenuto domenica sera verso le 23 in via Miranese, tra la passerella pedonale e il sottopasso ferroviario.

La dinamica

Il ragazzo addetto alla consegna di pizze da asporto per la pizzeria Village era partito a bordo dello scooter da via Nazionale diretto verso Mirano per svolgere il suo lavoro, quando, per motivi ancora al vaglio delle forze dell’ordine è entrato in collisione con un’auto Hyundai, condotta da un ventunenne residente a Mirano che procedeva nella stessa direzione.

L’impatto tra scooter e auto è stato devastante, il ciclomotore è stato sbalzato in aria come pure il ventenne che era in sella. Sul posto sono intervenuti i sanitari del Suem 118 ed i carabinieri della Tenenza di Mira che hanno provveduto a mettere in sicurezza la viabilità e ad eseguire i primi rilievi. Il traffico è stato bloccato per qualche tempo per consentire le procedure di soccorso. I giovane a bordo dello scoter è subito apparso in gravi condizioni ed è stato trasportato all’ospedale Dell’Angelo di Mestre dove è tutt’ora ricoverato in coma farmacologico. Il ragazzo nella collisione con l’auto e durante l’impatto a terra ha riportato un trauma comatoso e fratture multiple. Il conducente dell’auto è stato sottoposto ad alcol test risultato negativo. Sulla dinamica del terribile incidente ancora poco chiara, considerando che sia l’auto che lo scooter procedevano nella stessa direzione, e per accertare eventuali responsabilità i due veicoli sono stati posti sotto sequestro. Probabilmente in quel lungo e pericoloso rettilineo che è via Miranese ad aggravare la situazione al momento dell’incidente c’è stata anche la nebbia che era scesa a quell’ora e fino alle prima ore del mattino. 

Ultimo aggiornamento: 09:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA