A Mestre l'hotel delle borseggiatrici
«17 gravidanze per evitare la cella»

Domenica 2 Ottobre 2016 di Maurizio Dianese
46

MESTRE - Il record è di una borseggiatrice che ha totalizzato condanne per 42 anni di carcere e che per adesso non ha scontato un solo giorno di galera perché, via un figlio dentro un altro, con 17 gravidanze consecutive, ha evitato di scontare la pena. Prima o dopo si arriverà al redde rationem anche per questa borseggiatrice - ragiona il comandante dei Vigili urbani, Marco Agostini - ma intanto è così. Nel senso che i borseggiatori vengono arrestati e riarrestati dai Vigili, in media ognuno di loro finisce in manette una volta ogni 3 mesi, però restano sempre in attività grazie a una serie di norme. E che il gioco tra guardie e ladri sia destinato a continuare lo testimonia il fatto che le borseggiatrici – 100 per cento donne a parte rarissimi casi – hanno anche preso casa definitivamente a Mestre. Si sono piazzate infatti in un bed and breakfast gestito da cinesi di fronte alla stazione ferroviaria di via Piave e da lì partono ogni mattina per Venezia...

 

Ultimo aggiornamento: 17:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA