Cargo s'incaglia nel Porto di Chioggia: «E qualcuno voleva le crociere»

Venerdì 26 Luglio 2019
La nave incagliata a Chioggia (foto di Enzo Naccari)
7

CHIOGGIA - Una nave mercantile, la «Amira Joy», battente bandiera panamense, lunga 132 metri, proveniente dalla Turchia con 15 persone di equipaggio e carica di gusci di vongole, si è incagliata nel pomeriggio di ieri, 25 luglio, all'entrata del Porto di Chioggia, sul fondale sabbioso. Due rimorchiatori portuali hanno tentato di disincagliarla fino a sera, con il coordinamento della Sala operativa della Capitaneria, poi con l'abbassamento della marea le operazioni sono state sospese. La nave, stamattina 26 luglio,  è ancora lì, ferma su fondale sabbioso, senza pericolo per la sicurezza della navigazione e l'ambiente marino: oggi riprendono le manovre per disincagliarla, mentre sul web si rilanciano le polemiche: «Grandi navi da crociera a Chioggia? Ma se si incagliano sui fondali anche navi non gigantesche...».

AGGIORNAMENTO ORE 20 - NAVE ANCORA INCAGLIATA
È ancora incagliata all'ingresso del porto di Chioggia la nave cargo «Amira Joy», che da ieri sera è bloccata sul fondale sabbioso dello scalo. Per rimetterla in navigazione stanno lavorando tre rimorchiatori, entrati in funzione in serata con l'alta marea. Ad un certo punto il mercantile, lungo 132 metri, con 15 persone d'equipaggio, sembrava essersi mosso, ma poi si è bloccato nuovamente, e gli operatori del porto dovranno ritentare la manovra, che si svolge sotto il coordinamento della sala operativa della Capitaneria di Chioggia. 

Ultimo aggiornamento: 20:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA