Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gattino bloccato per sei ore nel motore dell'auto, salvato dal carrozziere

Giovedì 23 Giugno 2022 di Davide Tamiello
MESTRE Il gatto finito nel vano motore dell'auto liberato con l'ausilio di un carrozziere

MESTRE - C’è voluta un’intera giornata, ma alla fine ce l’hanno fatta. Per salvare quel gattino finito nel vano motore di un’auto ieri mattina - 22 giugno - si erano mossi tutti: polizia locale, vigili del fuoco, carabinieri e servizio veterinario dell’Ulss. Alla fine, con autorizzazione del proprietario, si è dovuto procedere con l’aiuto di un carrozziere: portata via l’auto, l’ha aperta da sotto per far uscire l’animale. 
Un lieto fine che si è fatto attendere, però. L’allarme, infatti, era scattato intorno alle 10: i proprietari dell’auto, una monovolume, abitano in via Fusinato. Quando hanno provato ad accenderla hanno sentito subito un rumore strano, come un intenso miagolio. Il punto è che era proprio un intenso miagolio: il gattino era rimasto incastrato nel vano motore dell’auto forse già dalla sera prima, quando i proprietari erano tornati da Jesolo. Succede spesso: si rifugiano sotto alle auto e si vanno a riparare dove il motore è più caldo. 

OPERAZIONI LUNGHE
A quel punto non era più stato in grado di uscire da solo. Oltre ai soccorsi, in strada si è radunato un capannello di residenti (oltre una trentina)che hanno provato a chiamare chiunque potesse fare qualcosa per aiutare l’animale. Quando anche i pompieri hanno dovuto arrendersi, si è fatto avanti il carrozziere: la monovolume è stata caricata su un carroattrezzi e portata in officina dove, con delicatezza, i tecnici sono riusciti a liberarlo. Il micio, dopo sei ore di attesa e di paura, è un po’ scosso, ma sta bene. 
 

Ultimo aggiornamento: 07:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci