Rubano 6 chili d'oro: beccati per le impronte sul biglietto autostradale

Martedì 16 Aprile 2019
4

VENEZIA - Arrestati gli autori del furto di 6 kg di oro avvenuto lo scorso 22 settembre. F. E. di anni 28 e H. K di anni 22, entrambi senza lavoro, con diverse denunce a carico per reati contro il patrimonio sono stati arrestati ieri in esecuzione di una ordinanza di misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Treviso per il reato di furto aggravato avvenuto il 22 settembre 2018, quando furono sottratti 6 kg in lingotti d’oro dall’autovettura di due rappresentanti orafi cechi, che di ritorno da Vicenza per la loro attività di lavoro, si erano fermati presso l’area di servizio Calstorta, lungo l'autostrada A4 nel comune di Cessalto (TV).

I poliziotti della Polizia Stradale intervenuti sul posto hanno trovato elementi utili all’indagine, verificando che gli autori del furto si erano allontanati con tre autovetture con i portelloni aperti, per evitare che fossero lette le targhe. Una scrupolosa attività investigativa della Stradale ha consentito di verificare che i due commercianti erano stati seguiti fin da Vicenza con più autovetture che si erano alternate nel pedinamento per non destare sospetto. Quando i due cittadini cechi avevano deciso di effettuare una breve sosta nell’area predetta, con rapidità i ladri erano entrati in azione e nell’arco di 6 minuti avevano asportato l’oro e una borsa con documenti. Grazie ad una paziente opera di ricostruzione dei fatti sono state individuate le auto utilizzate per il colpo e attraverso le impronte digitali trovate nei biglietti di ingresso al casello autostradale utilizzati dai ladri sono stati identificati due di essi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA