La Four Seasons di Bill Gates si compra l'Hotel Danieli a Venezia

Venerdì 7 Gennaio 2022 di Maurizio Crema
L'Hotel Danieli e Bill Gates
4

VENEZIA - Nuova gestione per uno degli hotel più prestigiosi di Venezia e del mondo, il Danieli. La catena Four Seasons di proprietà del fondatore di Microsoft Bill Gates e del principe saudita Al Waleed bin Talal - secondo il Corriere della sera - avrebbe chiuso l'intesa col gruppo italiano Statuto. Il marchio internazionale a cui fanno capo 122 hotel e resort tra i più esclusivi del mondo cercava da tempo di aprire a Venezia, ha trovato il suo più antico hotel, attivo fin dal 1822. Four Seasons ha acquisito poco tempo fa la gestione anche un altro hotel dal gruppo Statuto, il San Domenico di Taormina (comprato dall'immobiliarista nel 2016 per 52,2 milioni, superando di 200 mila euro l'offerta dell'emiro del Qatar Al-Thani). Il gruppo Four Seasons avrebbe già preparato il masterplan del nuovo Danieli affidando al designer Pierre Yves Rochon la ristrutturazione dell'immobile che arriverà ad avere 200 camere e sarà pronto nel 2024. Il fondo americano King Street ha messo in piedi il finanziamento e fornito i capitali per i lavori di ristrutturazione, stimati in circa 30 milioni di euro. La società di consulenza Jll che ha svolto le attività di valutazione prevede che a regime la struttura avrà un valore di oltre 500 milioni di euro.
A due passi da piazza San Marco in riva degli Schiavoni, l'hotel a 5 stelle è composto da tre palazzi, uno più antico dell'altro: Palazzo Danieli Excelsior del XX secolo, Palazzo Casa Nuova, del XIX secolo, e Palazzo Dandolo, in stile gotico veneziano del XIV secolo quando era della nobile famiglia veneziana del doge Enrico che conquistò Costantinopoli (oggi Istanbul). Una parte del suo favoloso bottino, secondo il sito dell'albergo fino a oggi gestito dalla catena Marriott, arrederebbe ancora l'albergo. Fu Giuseppe Dal Niel, nel 1822, a trasformare il palazzo in riva degli Schiavoni in un albergo, l'Albergo Reale, chiamato però da tutti Danieli dal nome del proprietario. Nel 1895 arrivano nuovi proprietari. Partirono costose ristrutturazioni. Fu allora che l'hotel fu anche collegato attraverso il ponte al Palazzo Casa Nuova la vecchia sede dell'ufficio doganale al di là di rio del Vin. Nel 1906 il conte Giuseppe Volpi fondò la catena Ciga hotels «Compagnia Italiana Grandi Alberghi» e acquistò il Royal Hotel Danieli. Che subì la sua modifica strutturale definitiva nel 1948, quando i caseggiati che separavano Palazzo Dandolo e Palazzo delle Prigioni furono demoliti e venne eretto un nuovo palazzo, conosciuto come Danielino (oggi Palazzo Danieli Excelsior), rimodernato nel 2008 dall'architetto Jacques Garcia.


STORIA RICCA E TORMENTATA

Il Danieli è passato di mano molte volte per poi finire nel portafoglio dell'immobiliarista Giuseppe Statuto, che lo aveva rilevato nel 2005 dalla Starwood per oltre 240 milioni di euro. Già da qualche tempo girava voce che Four Seasons avesse messo nel mirino il 5 stelle di Venezia dopo aver piantato la sua bandiera a Taormina e ora si parla della Puglia come prossimo obiettivo. Lunga la lista degli ospiti illustri dell'hotel Danieli, da Goethe a Walt Disney, da Charles Dickens a Steven Spielberg. Qui furono girati diversi film di 007. Nelle sue stanze sontuose esplose la storia d'amore tra Gabriele D'Annunzio ed Eleonora Duse, e chissà di quanti altri meno famosi ma sempre molto benestanti perché una stanza costa in media 500-600 euro a notte.

Ultimo aggiornamento: 8 Gennaio, 10:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA