"Chi siamo, chi saremo", il Festival delle Idee inizia con Simone Cristicchi

Giovedì 30 Settembre 2021 di Matteo Peschiuta
Simone Cristicchi a Venezia

MESTRE - Al via la terza edizione del Festival delle idee di Venezia Mestre, che da oggi, 30 settembre, al 23 ottobre porterà nella Città Metropolitana una molteplicità di ospiti illustri, tra cui scrittori, filosofi, psicoanalisti, astronauti, artisti, scienziati e divulgatori, intorno al tema comune "Chi siamo, chi saremo". Da quanto è emerso dalla presentazione della rassegna, già si può parlare di un vero successo di pubblico, con la maggior parte degli appuntamenti già sold out. Tuttavia sono state aperte le prenotazioni in lista d'attesa, che l'organizzazione si riserva di utilizzare in caso di disdette o di eventuale aumento della disponibilità di posti con l'allentamento delle misure anti-covid. 

PARTENZA

Ad aprire il Festival è l'incontro di giovedì 30 Settembre, al chiostro dell'M9, alle 21 con il cantautore Simone Cristicchi, in dialogo con lo scrittore Guido Barlozzetti. Tra i tanti appuntamenti di rilievo si segnalano quelli con Mario Tozzi (3 ottobre), Alessandro Haber (19 ottobre), Giovanni Caccamo (1 ottobre), Tiziana Ferrario (2 ottobre), Piergiorgio Odifreddi (8 ottobre), Paolo Nespoli (7 e 8 ottobre) e Umberto Galimberti (20 ottobre ore 18 e 21). «Anche quest'anno - ha detto Marilisa Capuano, ideatrice del Festival delle idee - siamo riusciti a coinvolgere esponenti d'eccezione del panorama culturale facendo reinterpretare loro una tematica particolare legata al mondo contemporaneo. In questa edizione il filo conduttore sarà lo sguardo al futuro, con un accento alla sostenibilità intesa come analisi tra l'uomo e il suo ambiente».

I LUOGHI

Le location della rassegna saranno molteplici e coinvolgeranno tutto il tessuto metropolitano della città di Venezia, in un grande progetto di Festival diffuso. Fulcro della manifestazione l'M9 di Mestre, dove si svolge la maggior parte degli appuntamenti, ma aprono le porte alla rassegna anche il Teatro Toniolo, messo a disposizione dal Comune di Venezia, le Sale Apollinee del Teatro La Fenice, il Teatro Malibran e, come novità dell'edizione 2021, anche il Padiglione Rama dell'ospedale dell'Angelo. «Abbiamo concesso con piacere la disponibilità dei nostri spazi - ha detto Massimo Zuin, direttore servizi socio-sanitari Ulss 3 Serenissima - perché crediamo che si debba fare squadra come città, soprattutto dopo un anno e mezzo di pandemia. Questa rassegna è importante appunto perché fa pensare, fa riflettere su chi siamo, chi eravamo e chi saremo». Il Festival, che coinvolge diverse istituzioni della Città Metropolitana, gode anche del patrocinio della Regione, che lo ha inserito tra i Grandi Eventi del Veneto, in quanto in linea con gli indirizzi strategici enunciati nel dossier Veneto sostenibile. Anche il Comune di Venezia ha riconosciuto la grande importanza di questa rassegna inserendola nel palinsesto delle celebrazioni per i 1600 anni della fondazione di Venezia. «L'inserimento del Festival negli eventi dei 1600 anni - ha detto Paola Mar, assessore al patrimonio e alla promozione del territorio del Comune di Venezia - è significativo perché la città di Venezia nella sua storia ha sempre guardato avanti, ha sempre pensato al futuro, e dobbiamo farlo anche oggi». Il Festival delle idee 2021 parte dunque con le migliori aspettative e l'organizzazione, vista la risposta di pubblico, spera di riuscire ad inserire altre date. Al momento tutti gli eventi risultano esauriti, con l'eccezione delle due date del 22 e 23 ottobre al Teatro Malibran con la cantante Alice. Calendario completo su www.festivalidee.it 
 

Ultimo aggiornamento: 15:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA