Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Venezia, Andrea Ferrazzi e Nicola Pellicani fuori dalle liste Pd: «Siamo delusi». Candidati Martella e Fassino

Martedì 16 Agosto 2022 di Redazione web
Venezia, Andrea Ferrazzi fuori dalle liste Pd: «Sono molto amareggiato». Candidati Martella e Fassino

VENEZIA - Andrea Ferrazzi, lo storico senatore del Pd, non sarà eleggibile a Venezia, suo collegio. Capolista al Senato sarà il segretario regionale Andrea Martella, secondo alla Camera Piero Fassino. È quanto stabilito dalla Direzione nazionale del Partito democratico. A comunicarlo, lo stesso Ferrazzi in due post su Facebook in cui ha espresso tutta la sua delusione.

«Si è da poco conclusa - scrive Ferrazzi - la Direzione nazionale del Partito democratico. Relativamente alle posizioni maschili eleggibili a Venezia, il mio collegio, Capolista al Senato sarà Andrea Martella, secondo alla Camera Piero Fassino. Non posso nascondervi, per il rapporto franco che abbiamo sempre tenuto tra noi, che sono molto amareggiato».

Poco fa il secondo post: «Care amiche e cari amici. Ieri sera sono state chiuse le liste per le candidature. Purtroppo il mio nome non ci sarà. Nel mio collegio la componente uomini sarà composta da Andrea Martella capolista al Senato e Piero Fassino numero 2 alla Camera. Non voglio essere ipocrita, per me mi aspettavo un esito diverso e sono sinceramente amareggiato. Avrei voluto compiere un secondo mandato per completare un lavoro che mi stava appassionando su temi fondamentali per futuro nostro e dei nostri figli come l’ambiente, la transizione ecologica, le città, l’Europa. Mi resta la certezza di aver dato tutto quello che potevo e di aver svolto il mio compito con quella 'disciplina e onore' richiesta dalla Costituzione».

E continua: «A Venezia, insieme a moltissimi compagni di strada, abbiamo combattuto in anni difficili. Il lavoro in Consiglio comunale dopo la sconfitta del centro sinistra, l’inizio della Città metropolitana. Nel 2018 sono stato individuato dai circoli del Territorio come candidato per il Senato, compito che ho svolto dando tutto me stesso. Anche questa volta i circoli del territorio mi avevano chiesto unanimemente di continuare il lavoro, purtroppo ci troviamo insieme a subire una deciso diversa. Mi dispiace anche per loro, per le moltissime persone con le quali abbiamo condiviso speranze, passioni, impegni, cadute e risalite. Desidero ringraziarvi ad uno ad uno per le centinaia di messaggi che mi state inviando. La dimensione umana della politica è bella, anzi, fondamentale. Invito tutti, nonostante l’amarezza, a votare per il Pd, per costruire un futuro migliore per noi e per i nostri figli».
 

Deluso anche Nicola Pellicani

«Stavolta non sarò candidato in Parlamento. Non nascondo che sono molto dispiaciuto perché avrei voluto continuare per un'altra legislatura l'attività bruscamente interrotta». Lo annuncia su Facebook il deputato veneziano del Pd Nicola Pellicani. «E' andata diversamente - aggiunge Pellicani - perché il partito ha fatto altre scelte. Mi resta la consapevolezza di avere dato il massimo anche ottenendo, in un quadro politico molto complicato, alcuni risultati significativi concreti per la città. Ci sarà comunque modo e tempo per discutere del futuro di Venezia e del nostro partito. Intanto lavoriamo per vincere le prossime elezioni», conclude. 

Ultimo aggiornamento: 12:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci