Droga della pazzia, trovate pasticche di Yaba a Venezia

PER APPROFONDIRE: droga della pazzia, venezia, yaba
​Droga della pazzia, trovate pasticche di Yaba a Venezia
VENEZIA - Nella mattinata di ieri a Venezia e Roma, i militari del Nucleo Investigativo di Venezia, in collaborazione con quelli della Stazione di Roma Quadraro, al termine dell'indagine convenzionalmente denominata "Yaba Smuggler", hanno dato esecuzione al decreto di perquisizione e sequestro emesso dalla Procura della Repubblica di Venezia a carico di 6 indagati di nazionalità bengalese, tutti resisi responsabili di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente del tipo metanfetamina comunemente nota come "Yaba" o "droga della pazzia".

Nel corso di una perquisizione domiciliare effettuata ieri a carico di uno degli indagati, dimorante nel quartiere Quadraro di Roma, sono state rinvenute oltre 31.000 pasticche, opportunamente occultate nel sottofondo di una valigia, per un valore complessivo di oltre 200.000 euro; ulteriori 25 pasticche sono state rinvenute invece in Venezia Mestre.

Il 40enne trovato in possesso dell'enorme quantitativo di stupefacente (il più ingente mai effettuato in Italia) è stato tratto in arresto in flagranza di reato e trasferito presso la casa circondariale di Regina Coeli in attesa dell'udienza di convalida.

La Yaba, la cosiddetta droga della pazzia, è una potente miscela di metanfetamina e caffeina a basso costo che induce nel consumatore un forte stato di euforia, effetto che, una volta svanito, si tramuta in una profonda astinenza, la quale, se non soddisfatta con nuove assunzioni, può portare a stati d'ansia, depressione e, nella peggiore delle ipotesi, al compimento di gesti estremi, provocando danni irreversibili al sistema nervoso centrale.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 10 Ottobre 2019, 09:36






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Droga della pazzia, trovate pasticche di Yaba a Venezia
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-10-10 15:03:04
I bengalesi all'inizio della loro calata in Italiasi davano al commercio o a fare i venditori abusivi (vedi piazza San Marco e zona Rialto). Ora hanno fatto il salto di qualita' e sono diventati spacciatori. Non dimentichiamo che pretendono pure che nelle scuole ai loro figlioletti sia servita carne halal se no li ritirano da scuola. Nessuno si e' mai sognato di spiegarci come mai l'Italia sia piena di bengalesi. Ricordo a tutti che il Bangla Desh si trova nell'altra parte del mondo. A una distanza di oltre otto ore di arereo da Roma.
2019-10-10 12:04:03
ma poi i consumatori chi sono?
2019-10-10 14:52:18
ohoo domanda fastidiosa visto i pollici avversi.....
2019-10-10 11:51:43
... scappati dalle tigri a spacciatori.. meglio così.. per le poveri tigri un pericolo in meno..
2019-10-10 11:43:21
Messo in carcere? E ora come faremo senza queste pastiglie? Ne Abbiamo bisogno, questa invasione barbarica può essere una soluzione