Blitz per stanare i pusher dell'eroina killer: 13 arresti, 110 clienti segnalati

PER APPROFONDIRE: droga: 13 arresti in veneto
Blitz per stanare i pusher dell'eroina  killer: 13 arresti, scoperti 110 clienti
 in corso dalle prime ore di oggi un'operazione antidroga dei carabinieri di Venezia che stanno eseguendo 13 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di un'organizzazione tunisino-albanese. Nel blitz sono impegnati oltre 100 militari dell'Arma che stanno operando tra le province di Venezia e Padova, con il supporto di unità cinofile e di un elicottero dell'Arma.

Le indagini sono iniziate nel maggio 2007 dalla Compagnia di Mestre nel maggio a seguito di numerosi decessi per overdose da eroina. Nel corso dell'indagine, sono stati arrestati in flagranza di reato 8 pusher e segnalati alla Prefettura 110 assuntori.

Minorenni nel parco chiuso: 15enne sviene dopo una dose di hashish

I provvedimenti restrittivi hanno riguardato 11 tunisini e 2 albanesi. Sei degli arrestati sono irregolari e tutti con precedenti per droga. Nel blitz sono state fatte molte perquisizioni.

I carabinieri, già dall'inizio delle indagini avviate nel maggio 2017 (e non nel 2007) e coordinate dal pm Carlotta Franceschetti, hanno accertato una netta suddivisione tra i due gruppi: i tunisini si dedicavano allo spaccio da strada, sia nei pressi dei parchi cittadini, sia in prossimità di alcuni istituti scolastici superiori, mentre gli albanesi portavano la droga in Italia e la vendevano all' ingrosso ai nordafricani.

L'attività investigativa ha focalizzato l'attenzione sullo spaccio a Mestre, soprattutto nel quartiere "Piave", la zona più "calda" della città, vicino alla stazione ferroviaria, al centro, nei mesi scorsi di una maxi retata delle forze dell' ordine, durata ore, per l'esecuzione di una quarantina di arresti e la sospensione dell'attività di tre esercizi commerciali.

Nonostante ciò lo spaccio della droga è continuato e l'Arma ha verificato che a coordinarlo erano perlopiù extracomunitari. Così sono iniziati servizi di osservazione, pedinamenti e attività tecniche dalle quali sono emersi concreti elementi di responsabilità nei confronti di un sodalizio criminale ben strutturato dedito all'importazione e allo smercio di ingenti quantitativi di eroina. Con il passare del tempo i militari sono riusciti a delineare la rete dei pusher i quali avevano il pieno controllo della «piazza di spaccio» e che si avvalevano della copertura e la collaborazione di «vedette» per segnalare i servizi attuati dalle forze di polizia.

«Questa operazione non risolverà un problema che esiste, è un problema serio. Il problema droga riguarda tutte le forze dell'ordine». Così il col. Claudio Lunardo, comandante dell'Arma di Venezia, in merito all'operazione antidroga che ha portato all'arresto di 13 componenti di un'organizzazione tunisino-albanese. «Abbiamo assicurato alla giustizia venditori di morte - ha sottolineato -. Mestre è un crocevia dove la droga gira in grosse quantità e continueremo a fare quello che abbiamo fatto fino ad oggi contro i seminatori di morte. Nel 2017 - ha concluso l'ufficiale - abbiamo preso un impegno e lo manterremo: la droga rimane una nostra priorità».

IL GRAZIE DEL MINISTRO FONTANA
«Grazie e congratulazioni ai carabinieri per questa eccellente operazione. Avanti con la lotta alla droga». Lo scrive su Facebook Lorenzo Fontana, ministro per la Famiglia e le Disabilità, con delega all' antidroga, commentando il blitz dei Carabinieri di Venezia.

IL PRESIDENTE DEL VENETO ZAIA
«Questa banda tunisino-albanese era particolarmente pericolosa, collegabile come appare ad alcuni decessi per overdose da eroina avvenuti negli anni. Bravi i carabinieri di Venezia, che stanno tagliando l'erba sotto i piedi ad altri mercanti di morte». Così il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, si congratula con gli uomini dell'Arma di Venezia. «Cominciare la settimana con un vittoria della legalità - aggiunge Zaia - dà una sensazione particolarmente piacevole e lancia un messaggio chiaro ai delinquenti di ogni genere e tipo: lasciate perdere perchè, prima o poi, i nostri ragazzi in divisa ve la fanno pagare».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 28 Gennaio 2019, 09:18






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Blitz per stanare i pusher dell'eroina killer: 13 arresti, 110 clienti segnalati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2019-01-29 18:22:30
E poi scusi, io non so se la Magistratura sia o meno quasi tutta di sinistra. Se ciò fosse si ponga una domanda, forse la destra ha qualche problema a fare laureare i suoi? Perché? Per quel che mi riguarda io ho fiducia in tutta la Magistratura e molto meno per chi sequestra persone inermi.
2019-01-29 18:17:57
gianni-2 gravissimo errore il suo. La magistratura è chiamata ad applicare le leggi che sono state approvate dal Parlamento Italiano. salvini c'entra eccome. Non ha mai letto da qualche parte che la lega ha governato per anni? Lo sa che l'attuale maggioranza è composta da lega e 5stelle? Non si pone nemmeno la domanda se l'attuale maggioranza invece di dare quotidianamente un pessimo spettacolo elettorale a danno degli Italiani, non sarebbe il caso che facesse votare leggi per eliminare eventuali storture ove ce ne fossero? Ha mai sentito parlare di Potere Legislativo e Giudiziario? E di Democrazia? Che i Magistrati facciano quello che gli passa per la testa lo lascio a lei non è commentabile solo ridicolo.
2019-01-29 15:00:41
Gazzettino 160783 le faccio presente che quasi tutta la Magistratura e di Sinistra quando li arrestano il Magistrato di turno li rimette subito in liberta alla faccia di quello che rischiano le nostre forze dell'ordine,,,,Salvini che centra se il magistrato fa quello che vuole?,,,
2019-01-29 08:12:58
gianni-2 ponga la domanda al suo salvini. Il PD non c'entra.
2019-01-29 08:11:59
Odaleta Lei non ne imbrocca una. Il reddito di cittadinanza è stato fortemente voluto e approvato da salvini della lega e dai 5stelle. E' ormai quasi un anno che in Italia è cambiato il governo non lo sapeva? Come vede il PD non c'entra nulla.