Addio a Mario, una vita dedicata allo sport e al sociale

Martedì 3 Agosto 2021
Addio a Mario, una vita dedicata allo sport e al sociale

DOLO (VENEZIA) - Profonda commozione ha destato la scomparsa dell'ottantenne Mario Caporin, persona conosciuta a Dolo per la sua simpatia e disponibilità che univa ai vari interessi, prevalentemente di carattere sociale. Per lungo tempo Caporin ha abitato a Dolo e da poco si era trasferito a Cazzago di Pianiga: problemi di salute acuitisi nell'ultimo periodo sono stati la causa della morte. Mario Caporin era un dipendente delle Assicurazioni Generali per le quali aveva lavorato nella sede centrale di Mogliano Veneto. Nel corso degli anni si era distinto anche per la passione e dedizione per lo sport, amante in particolare della ultra maratona, disciplina nella quale ha ottenuto risultati interessanti nella categoria Master.


SOLIDARIETÀ
Nel periodo compreso tra il 1984 e il 1990 ha più volte corso la 100 chilometri del Passatore corsa che si snoda da Firenze sino a Faenza, si era dedicato anche al sostegno degli altri, in particolare delle popolazioni dell'Africa dove si era recato più volte. Akuna Matata' era il suo saluto quando con il sorriso e l'allegria che lo contraddistinguevano incrociava i suoi concittadini. Anche il sindaco pro tempore Gianluigi Naletto conserva un ricordo importante di Mario Caporin. «Esprimo vicinanza e partecipazione alla famiglia di Mario, persona appassionata della maratona, dello stare assieme e dell'essere utile agli altri. Ricordo il suo impegno in qualche esperienza della nostra Protezione Civile e nell'attività sportiva dei Podisti Dolesi. In alcune occasioni mi accennava delle sue esperienze di solidarietà in Africa e del desiderio di esporre al pubblico una parte della sua collezione di artigianato africano a scopo benefico».
L. Per.

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 11:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA