Ferro: «​Diversificare le attività è stata la salvezza dell'azienda»

Venerdì 9 Aprile 2021 di M. Lamp.
Diego Ferro

MURANO -  Diversificare le attività è stata la salvezza dell'azienda. Yalos Ferro Murano, dopo la chiusura forzata dall'anno scorso a marzo, ha poi riaperto i battenti a giugno e da allora non ha mai smesso di lavorare. «Certo, non è che siamo in boom economico ma riusciamo a sopravvivere - spiega il titolare Diego Ferro - questo perché già da tempo abbiamo diversificato le nostre attività e non siamo prettamente legati al turismo, se non in minima parte. Noi facciamo quasi esclusivamente oggettistica e ci siamo orientati verso un mercato che seguivamo in passato ma che poi avevamo abbandonato e ora ripreso: quello delle raccolte punti con i supermercati che è stato davvero un successo. Poi abbiamo sviluppato il settore bagno e facciamo creazioni su richiesta dei clienti. Quindi abbiamo sopportato meglio rispetto a chi è legato solo al turismo. Anche le maestranze non hanno subìto contraccolpi».
«Una persona è andata in pensione e l'abbiamo sostituita addirittura con due, adesso siamo in 17» annota Ferro. Che la situazione sia complessa è indubbio, anche se alcuni mercati hanno ripreso a marciare, anche se non a pieno regime, come gli Stati Uniti. «Si tratta di una situazione di emergenza e siamo speranzosi che proprio questa sia l'occasione giusta per fare qualcosa di concreto con le istituzioni, per tutelare e salvaguardare il vetro di Murano conclude Ferro la strada da percorrere è quella dei vaccini. L'altro aspetto sono le restrizioni per chi viaggia: bisogna che poco alla volta si ricominci con la routine normale, chi viaggia lo deve fare liberamente altrimenti si vanificano gli sforzi e la buona volontà di tutti».

Ultimo aggiornamento: 16:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche