Doppio corteo per salvare Venezia: «Basta turismo aggressivo e invadente»

Martedì 2 Giugno 2020
Manifestazione a Venezia
2
VENEZIA - Due manifestazioni con un unico obiettivo dichiarato: difendere Venezia da un turismo sempre più aggressivo e invadente. Ieri nel tardo pomeriggio associazioni e residenti si sono dati appuntamento in due punti caldi della città: campo San Francesco della Vigna e campo San Giovanni e Paolo per confluire poi uniti, distanziati e mascherati, come recitava lo slogan, alle Fondamente Nuove zona Ospedale, dove è in costruzione il nuovo pontile per i lancioni turistici. La manifestazione in campo San Francesco della Vigna, organizzata dal coordinamento Area Ex Gasometri, si è focalizzata contro il progetto, non ancora approvato, di un grande complesso turistico nell'area degli Ex Gasometri, tra il Liceo Benedetti e l'Istituto Paolo Sarpi. Spazio che, stando al progetto iniziale risalente a quando la proprietà era ancora di Veritas, doveva essere dedicato a un nuovo polo sportivo per gli oltre 2500 studenti.
I GASOMETRI
I lavori di bonifica sono cominciati in piena pandemia, ma resta ancora il nodo del cambio di destinazione d'uso, da pubblico a privato, unico vincolo, spiegano gli organizzatori della manifestazione, alla costruzione dell'ennesimo albergo. «Purtroppo da quando l'area degli ex gasometri è stata acquistata da Ivan Holler, lo stesso degli ostelli di Mestre, non c'è stato alcun dubbio sull'intento di trasformare una zona ancora autentica e viva in un luogo puramente ad uso e consumo dei turisti - spiega Jorge Molina Ruiz - studente del liceo Benedetti. 
LANCIONI
All'iniziativa ha aderito anche la consigliera 5 stelle Elena La Rocca che in un comunicato ha espresso ferma contrarietà all'operazione di Holler: «Le conseguenze per quest'area di Venezia, che ancora si salvava dalla desertificazione sociale saranno devastanti. Per non parlare del nuovo pontile per i lancioni». 
Il corteo di studenti, residenti e associazioni, partito da San Francesco della Vigna intorno alle 18.45 ha raggiunto poi campo San Giovanni e Paolo, dove si erano dati appuntamento altre associazioni e gruppi di cittadini per un flash mob alle Fondamente Nuove.
«Non immaginavamo che, a pochi giorni dalla parziale riapertura delle attività produttive, si offrisse già la prima occasione per difendere Venezia dalla speculazione e dalla macchina del turismo mordi e fuggi - intervengono gli organizzatori - Alle Fondamente Nove è in corso la costruzione di un pontile per motoscafi gran turismo. Oltre al pericolo per la stabilità degli edifici adiacenti, la collocazione del pontile inevitabilmente genererà nuovo traffico acqueo e moto ondoso in un punto già molto trafficato e un nuovo flusso turistico, che andrà ad intasare zone ancora densamente abitate».
Alice Carlon
© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci