Birreria "adottata" dall'osteria Plip: «Per uscirne bene meglio farlo insieme»

Martedì 26 Maggio 2020 di redazione online

MESTRE - Una birreria che non avrebbe potuto ripartire nella 'Fase 2' (gli  spazi non possono essere adattati alle norme anti Covid) «adottata» e ospitata nei locali di un ristorante. Accade a Mestre, all'Osteria Plip, situata in un grande stabile ricavato dall'omonima ex latteria sociale di Venezia, che dal 15 giugno farà posto alla birreria "Duri ai Banchi", altrimenti impossibilitata a riaprire.

«Tener chiuso il proprio locale per nove settimane - annuncia oggi lo chef della Plip, David Marchiori - è piuttosto frustrante oltreché dannoso. Riaprire con limiti che rendono il tuo locale improvvisamente inadeguato è ancora peggio. Per questo Gianmaria Spavento e Andrea Baes, invece che riaprire la Birroteca in versione ridotta più di quanto ridotto era lo spazio, si sono attivati per una soluzione». Il trasferimento è previsto dal 15 giugno al 30 settembre prossimo. Il posto è stato ricavato 'ritagliando' parte di un grande spazio attiguo alla sala del ristorante, solitamente utilizzato per un piccolo mercato bio.

«Ognuno con la propria proposta - sottolinea Marchiori - con lo stesso entusiasmo, e certi che se si vuole uscirne bene, è meglio farlo insieme».

Ultimo aggiornamento: 14:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci