Sabato 12 Ottobre 2019, 10:01

Il convento di Venezia venduto due volte dalle suore

PER APPROFONDIRE: convento, suore, vendita, venezia
Il convento di Venezia venduto due volte dalle suore

di Gianluca Amadori

VENEZIA - Nel 2016 hanno siglato un preliminare di vendita del loro ex convento, a Venezia, impegnandosi a cederlo ad un'azienda veneziana, la Covent, che vuole trasformarlo in hotel; due anni più tardi, nel 2018, ne hanno siglato un secondo, per una somma notevolmente più elevata, con una società di Vercelli, la Karma. Per questo motivo le suore della Congregazione delle figlie di San Giuseppe sono state citate di fronte al Tribunale civile: la Covent contesta loro un inadempimento contrattuale e chiede ai giudici di dichiarare nullo il secondo preliminare e di disporre alla società veneziana il trasferimento del prestigioso immobile in base alle condizioni concordate con il preliminare del 2016, ovvero per tre milioni e 600 mila euro. Il singolare contenzioso giudiziario ha come oggetto un edificio nel sestiere di Cannaregio, a poca distanza dal Ghetto che, fino a pochi anni fa era utilizzato come convento dalle suore della Congregazione di San Giuseppe.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il convento di Venezia venduto due volte dalle suore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 21 commenti presenti
2019-10-14 08:50:56
La chiesa di fonda su una bugia di fondo creata ad arte 2000 anni fa e con la quale si sono assassinate milioni di persone, cosa vuoi che siano queste piccolezze?
2019-10-13 19:18:50
Probailmente il convento e' stato venduto tal quale. Poi la congregazione ha dovuto chiedere e ottenere il cambio d'uso. Vendendolo come hotel il prezzo a suo tempo pattuito non era piu' congruo. Furbetti da entrambe le parti, secondo me. Si dovrebbe leggere molto attentamente il contratto preliminare, cosa che faranno avvocati e tribunale.
2019-10-13 11:10:54
Non ho grande simpatia per la categoria in questione, però bisogna essere obbiettivi, quando si fanno contratti simili non viene il vescovo o altri prelati, ma persone LAICHE di fiducia, magari che discutono sull'acquisto. Dunque FORSE non è solo colpa della chiesa, ma di chi si fida. Parere personale, ci mancherebbe!
2019-10-13 07:39:35
E pensare che predicano la carita e la poverta.
2019-10-13 06:53:13
L'unico modo per cautelarsi è registrare il preliminare (logicamente è fiscalmente oneroso) perchè è indicata la vera cifra d'acquisto.