Controlli a tappeto della polizia in 10 stazioni /Cosa è successo a Mestre

PER APPROFONDIRE: controlli, mestre, stazione, venezia
Controlli a tappeto della polizia in 10 stazioni /Cosa è successo a Mestre
Nove arresti, 35 indagati, 53 sanzioni amministrative elevate, 37 sequestri eseguiti e 10 allontanamenti in base alla normativa sul "daspo urbano" su un totale di 4.162 persone controllate: è il bilancio della giornata di controlli straordinari condotta dalla Polizia presso 10 delle principali stazioni ferroviarie italiane. L'operazione Summer clean station ha visto 700 agenti delle Questure e della polizia ferroviaria in azione negli scali di Torino Porta Nuova, Milano Centrale, Genova P. Principe, Venezia Mestre, Bologna Centrale, Firenze S.M.N., Roma Termini, Napoli Centrale, Bari Centrale e Palermo Centrale, ed è stata disposta dal Capo della Polizia per innalzare ulteriormente il livello di attenzione rispetto alle infrastrutture ferroviarie, anche alla luce del maggior afflusso durante il periodo estivo. Per effettuare i controlli straordinari, la polizia si è avvalsa del supporto delle unità cinofile ed ha utilizzato tecnologie all'avanguardia, in particolare smartphone di ultima generazione con lettura ottica dei documenti, e metal detector per le verifiche sui bagagli. Coinvolti anche gli enti locali. 

COSA E' SUCCESSO NELLA STAZIONE DI VENEZIA-MESTRE
Nella giornata di giovedì 9 agosto u.s., il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Veneto, operando in stretta sinergia con la Questura di Venezia, e coadiuvato nell’occasione dal Reparto Mobile e dal Reparto Prevenzione Crimine di Padova, ha attuato una serie di mirati controlli finalizzati a contrastare ogni forma di illegalità ed abusivismo nella stazione ferroviaria di Mestre e nelle zone limitrofe. In questo contesto è stata data esecuzione a un’attività straordinaria di controllo di viaggiatori e bagagli sia all’interno della stazione di Mestre, che nei sottopassi ciclopedonali e nelle aree immediatamente vicine di Mestre e di Marghera, spesso frequentate da persone dedite ad attività illecite. Nell’operazione sono state impiegate 16 pattuglie, con complessivamente 70 agenti operanti.

 Le persone controllate sono state 130 e per 3 di loro, irregolarmente presenti sul territorio nazionale, sono state avviate le procedure per l’espulsione. Nell’ambito dell’operazione due giovani donne straniere sono state indagate in stato di libertà per il reato di ricettazione. Nello specifico, le predette venivano notate dagli agenti in borghese della Squadra di Polizia Giudiziaria Compartimentale mentre, in una via nei pressi della stazione, con fare circospetto e guardingo per non essere viste, si dividevano un certo numero di banconote che poi occultavano sotto la camicetta. Trovando sospetto questo comportamento e supponendo che le due donne si stessero spartendo del denaro di dubbia provenienza, gli agenti si avvicinavano per un accertamento, ma alla loro vista le suddette cercavano di eludere il controllo, dandosi precipitosamente alla fuga. Il loro tentativo, tuttavia, risultava vano e, una volta fermate dai poliziotti, venivano invitate a consegnare quanto occultato sotto gli indumenti, che è risultato essere un rotolo di banconote quantificate in 130 euro e 1000 yuan cinesi, sul cui possesso non davano giustificazioni credibili e che pertanto venivano sottoposte a sequestro. Accompagnate in Ufficio e compiutamente identificate, le due donne, di nazionalità bulgara, sono risultate avere a loro carico numerosi precedenti per reati contro il patrimonio.

L’operazione in questione si inserisce nella consueta e capillare attività di controllo effettuata in ambito ferroviario dalla Specialità della Polizia di Stato e rappresenta un validissimo servizio reso alla cittadinanza al fine di garantirne la sicurezza e la serenità; è solo di pochi giorni fa, infatti, l’arresto di due giovani borseggiatrici originarie della Bosnia che proprio nella stazione di Mestre, approfittando di un momento di ressa creatosi nel corso delle operazioni di imbarco dei viaggiatori, avevano derubato due turiste coreane, salvo poi essere prontamente fermate dagli agenti della Polizia Ferroviaria, che hanno provveduto a restituire il maltolto alle legittime proprietarie. La Polizia Ferroviaria, comunque, raccomanda ai viaggiatori di prestare sempre la massima attenzione ai propri bagagli ed agli oggetti personali utilizzando, nel caso, il servizio di portabagagli autorizzato e declinando ogni offerta prestata da soggetti non autorizzati.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 11 Agosto 2018, 11:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Controlli a tappeto della polizia in 10 stazioni /Cosa è successo a Mestre
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-08-12 09:34:55
Gli unici che lavorano... Anche perché i vigili specialmente la notte quando i barchini planano, se ne stanno beatamene in ferie!...
2018-08-11 18:57:16
Mi pagano in natura
2018-08-11 16:08:16
Non e' francamente accettabile leggere che le ladre di varie nazionalita', ma accomunate ad appartenere ad etnia zingara, vengano acciuffate e, dopo aver accertato che sono in possesso di un lungo corredo di precedenti, vengano per l'ennesima volta denunciate e basta. Si caricano su un autobus e portate nei loro rispettivi paesi di origine. Punto e basta.
2018-08-11 14:22:28
Anch'io faccio parte dell'operazione Summer Green Station Infatti pulisco i bagni delle stazioni anche Ferragosto ciao a tutti
2018-08-11 15:53:20
Un nobile lavoro.Però le sue spese di viaggio da sostenere per recarvisi devono essere parecchio pesanti...