Raffica di controlli ai locali pubblici, albergo di Mestre multato di 20mila euro

Sabato 12 Giugno 2021 di Redazione Web
Raffica di controlli ai locali pubblici, albergo di Mestre multato di 20mila euro

Si intensifica l’opera di controllo dei Carabinieri di Mestre sia sulle aree metropolitane che su quelle esterne. Nella mattinata di ieri 11 giugno, spiega l'Arma in una nota, in particolare la task force  composta da militari del NORM di Mestre, del NAS, del NIL personale del commissariato di Mestre e della Polizia Locale di Venezia hanno effettuato un controllo in un hotel di via Trezzo, gestito da un bengalese riscontrando varie mancanze in tema di sicurezza sul lavoro, di carenze sanitarie in genere e contestando altre violazione comminando sanzioni  per complessivi 20.000 euro

Nella serata, i controlli si sono concentrati invece sul territorio del comune di Mira, oggetto nel recente di diverse segnalazioni per liti tra giovanissimi nelle piazze. Nel mirino una paninoteca di piazza san Nicolò. All’interno del locale, gli operanti hanno trovato, dietro il bancone di mescita due persone non in regola; al titolare del locale sono state contestate varie sanzioni amministrative; in un locale in cui i giovani si ritrovano soprattutto per bere, erano infatti assenti i dispositivi di alcoltest prima di mettersi alla guida per il rientro a casa e, vista la situazione pandemica in atto che da tempo ci affligge, la mancanza di dispositivi sanitari igienizzanti, nonché la massiccia presenza di avventori che non rispettavano le regole di assembramento anticovid. Venivano inoltre accertata l’installazione non autorizzata di telecamere che ritraevano gli ambienti di lavoro.

I controlli eseguiti nei confronti dei clienti all’interno del locale, hanno permesso di deferire in stato di libertà un 21enne del luogo, trovato in possesso di un bastone il cui uso è proibito, nonché nelle immediate vicinanze del locale ma all’esterno, il controllo eseguito su 5 minori, ha permesso il rinvenimento di circa 75 grammi complessivi di stupefacenti tipo “hashish” che veniva sottoposto a sequestro. Per tale motivo i cinque ragazzini saranno segnalati alla Prefettura di Venezia quali assuntori di sostanza stupefacente.

 

L’attività di controllo con i reparti di specialità, saranno intensificati anche nelle prossime settimane.

Ultimo aggiornamento: 13:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA