Rivoluzione in ospedale: arriva
il consenso informato in veneziano

Rivoluzione  in ospedale: arriva  il consenso informato  in veneziano
MESTRE - Sottoscrivere un consenso informato scritto in veneziano: è possibile al Policlinico San Marco di Mestre, grazie a un esperimento pilota a livello regionale. Per il momento ne hanno facoltà solo i pazienti che si devono sottoporre a un intervento di protesi all'anca o al ginocchio, ma presto sarà esteso a tutti, visto il successo riscosso dall'iniziativa, testata per quattro mesi su 300 pazienti, in larga parte anziani. Il "consenso informà in venessian" - promettere il direttore sanitario Renzo Malatesta - diventerà a breve prassi regolare per i malati dell'ospedale.



Per redarlo il Policlinico San Marco ha assoldato una scrittrice, Espedita Grandesso, che ha tradotto dall'italiano al veneziano il testo di quattro pagine, usando un vocabolario della lingua dei Dogi diffuso in laguna nell'800.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 6 Maggio 2014, 19:01






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Rivoluzione in ospedale: arriva
il consenso informato in veneziano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2014-05-08 12:49:30
Facci, aspetta qualche giorno, perché per quelli come te, che hanno poca dimestichezza con l\'itagliano e il dialetto venetista, faranno degli schizzi. Si, insomma dei disegni. Così potrai avvicinarti al senso del contenuto che andrai a sottoscrivere. Troppo complicato per te ? Be dai, scrivi sempre si e sei apposto. Ciao facci e un grande abbraccio anche a enrichetto2.
2014-05-07 18:29:30
in Francia sono talmente indietro che non serve la traduzione per sottoscrivere con una X non serve specificare che lingua è, a quello almeno ci arrivano quando si fanno operare alle emorroidi
2014-05-07 17:55:35
Elise Chili Questa è davvero carina, mi ha fatto sorridere. Quando una battuta è buona è buona.
2014-05-07 17:52:24
Un modo per essere più vicini ai pazienti più fragili, gli anziani. \"Il consenso in lingua veneziana risponde a diverse esigenze - dice il direttore sanitario Renzo Malatesta -: evidenziare una cura particolare da parte del Policlinico verso i malati e aiutare quelli meno giovani, che parlano il dialetto, a sentirsi a proprio agio nella struttura\". (Fonte: ANSA) Chiunque abbia che fare con l\'assistenza agli anziani non può, credo, che essere d\'accordo.
2014-05-07 16:20:18
Be, se non altro enrico2 ora capirà quello che sottoscrive.