Giovedì 5 Luglio 2018, 11:00

Il concerto di Zucchero a Venezia. ​Brugnaro: «Ha pagato tutto lui e ha dato 80mila euro alla piazza»

PER APPROFONDIRE: concerto, venezia, zucchero
Il concerto di Zucchero a Venezia. Brugnaro: «Ha pagato tutto lui e ha dato 80mila euro alla piazza»
VENEZIA - «E' un grande onore aver potuto accogliere nella nostra città Zucchero, una persona straordinaria che ama veramente Venezia». È a dir poco soddisfatto il sindaco Luigi Brugnaro nell'aver ospitato Zucchero in piazza San Marco riaprendo, di fatto, una nuova stagione per i concerti dopo una lunga interruzione che durava dal 2011.
«La sua musica - ha quindi aggiunto un sorridente Brugnaro - resterà nella storia perché ha lasciato un segno di utilizzo positivo di piazza San Marco, un luogo di cui siamo molto gelosi, che parla al mondo». E anche l'iniziale allarme di martedì sera, collegato ad un improvviso temporale, si è risolto nel giro di una manciata di minuti.
 


CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il concerto di Zucchero a Venezia. ​Brugnaro: «Ha pagato tutto lui e ha dato 80mila euro alla piazza»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-07-06 11:06:49
Speriamo che gigio si ricordi che ha pagato tutto zucchero e che tra qualche tempo non esterni dicendo: Zucchero, fora i schi, come ha fatto con Elton John, rimediando l'ennesima figura da ciccolatino...hahahahaahahahahahahahaahahahahahahahaahahahahahahahahaha....vai gigio...ciao enrico..ciao.
2018-07-06 10:46:05
Un parco molto grande fronte laguna dove si possono esibire tutti gli artisti che vogliono, senza problemi di decibel, di vibrazioni. Un parco con parcheggio antistante e a pochi metri vicino al forte marghera, unparco raggiungibile in bicicletta, in autobus. Un parco raggiungibile via terra, via acqua delle forze dell'orirdine e dagli eventiuali soccorsi, un parco facile da gestire in sicurezza. Un parco abbandonato pieno di erbacce, erba non raccolta con proliferare di zanzare, un parco che la domenica è frequentato oramai solo da exstracomunitari che cucinano di tutto, ma per fortuna almeno è frequentato da loro. Il parco San Giuliano. Il sindaco dopo aver ciarlato di utilizzo fisso, di bla,bla,bla, come sempre del resto da il permesso ad un concerto in Piazza San Marco, per cosa per 80000€ che chissà dove finiranno. Chissa i danni prodotti dalle basse frequenze dei megaamplificatori più che dal suono "vivo". Poi una domanda che rimmarrà senza risposta:- quanti erano i veneziani (abitanti di Venezia) che hanno assistito a questo concerto? Mi rispondo da solo, pochi pochissimi. Allora il concerto è stato dato per gli altri, nessun utile per i veneziani ne in termini di divertimento ne in termini economici.
2018-07-05 20:45:25
"ha pagato tutto lui" ... a me non pare che l'ingresso fosse gratuito...
2018-07-05 19:30:49
a venezuia qualsiasi tipo di manifestazione che attira più di 5000 persone deve essere bandita. è un luogo storico e sacro per l'arte. se ha pagato vuol dire che ne ha avuto l'interesse in primis economico e d'immagine.
2018-07-05 17:41:47
Questa città non ha più tregua: ogni giorno grandi navi, motonavi, navette, treni e corriere scaricano una quantità ingestibile di visitatori. A questo si aggiungono eventi ormai sempre più frequenti: concerti, feste, maratone (perfino di notte!),...non sono passate neppure due settimane da quando, in deroga a qualsiasi norma di sicurezza, si sono fatte esibire le frecce tricolori (che, ricordo, hanno causato 70 morti e 1000 feriti nel 1988 a Ramstein) sopra il centro storico. E questo sindaco ragiona ancora in termini di "utilizzo" (per non dire "sfruttamento") della città, del tutto indifferente a chi cerca di viverci ("se vogliono stare tranquilli vadano in Terraferma"). Mi spiace, ma Casellati, sindaco al concerto dei Pink Floyd, forse non sarà stato una cima, ma era anni luce come educazione, cultura, dignità e rispetto per i cittadini di questo.