Torna a casa da scuola, molestata da gruppo di profughi nigeriani

PER APPROFONDIRE: 17enne, cavarzere, cona, conetta, hub, molestata, profughi
Il contestato

di Davide Tamiello

CONA - L'ha presa per un braccio, strattonata e fatta cadere a terra. Lei è una 17enne di Cavarzere, lui è un migrante nigeriano ventenne della ex base di Conetta di Cona. Episodio che ha fatto scattare le indagini dei carabinieri, allertati dal padre della giovane, e che ha scatenato l'ennesima ondata di polemiche attorno all'hub che accoglie oltre un migliaio di richiedenti asilo. Il ricordo del tentato stupro davanti alla base di Bagnoli, quando il 17 marzo scorso una 40enne della zona venne trascinata in un campo e quasi violentata da un ospite della base, è ancora vivo. Il caso di Cavarzere, però, non sembrerebbe avere la stessa matrice.
 
Mercoledì pomeriggio, ore 17. La ragazzina sta tornando a casa, nella minuscola frazione di Rottanova, percorrendo il sentiero lungo l'argine. Qui, incontra un gruppo di giovani nigeriani. Sono una ventina, arrivano dalla base: per loro è semplice raggiungere quell'angolo così isolato e tranquillo rispetto al bailamme del centro accoglienza. É sufficiente attraversare le campagne, Rottanova si trova proprio al confine con Conetta. La ragazza passa oltre ma il gruppetto le dice qualcosa in inglese, la invita a restare. Lei tira dritto e, per tutta risposta, uno dei giovani africani la prende per un braccio e la fa cadere. Lei si divincola e torna a casa. Il padre, su tutte le furie, sporge denuncia ai carabinieri. 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 14 Aprile 2017, 09:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Torna a casa da scuola, molestata da gruppo di profughi nigeriani
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 45 commenti presenti
2017-07-20 09:05:51
"Migrante"? "Profugo"? Ancora??? Si dice CLANDESTINO. E...per quanto mi riguarda...FUORILEGGE. L'Italiano ha circa 21.000 vocaboli: usiamoli...
2017-04-14 22:12:48
Rispedirli al mittente tutti quanti, tanto sappiamo benissimo che queste risorse nella stragrande maggioranza dei casi non sono profughi e non hanno diritto all'asilo politico, sono solo alla ricerca di guadagni facili o di mantenimento a carico del contribuente, riservandosi di protestare in varie forme se il trattamento ricevuto non è di loro gradimento, e di molestare in caso di tempesta ormonale... un sentito ringraziamento a coloro che li definiscono risorse e predicano l'accoglienza.
2017-04-14 18:57:57
## Mah, che sia una presa per il cul-turale ormai lo sappiamo tutti,quando vediamo questi baldi e forzuti giovanotti,che giocano a palla e smanettano ai cellulari gentilmente donati,in attesa di colazione pranzo cena (mentre i tanti poveri italiani ormai rovistano nelle spazzature),vien da chiedersi MA da che guerre stanno scappando,MA quali guerre,quale miserie,che stanno meglio di noi ?? Si,lo sappiamo,abbiamo scritto di tutto,per anni e inutilmente,perche' '' the show must go on '', perche' '' business never end'', perche' '' pecunia non olet '',lo sappiamo noi e lo sanno loro,che se ne fregano e continuano i loro affari ridendoci dietro. La soluzione la sappiamo tutti,non posso citarla,perche' 1) sarei censurato e 2) forse incriminato. Abbiamo paura,siamo SCHIAVI, ecco la verita',quindi meritiamo quello che sta succedendo e succedera'.Inesorabilmente succedera'. AMEN !!!
2017-04-14 16:49:59
Mala tempora currunt
2017-04-14 15:08:31
Furba la ragazza coccodè, adotta due agnellini, e ci lascia i lupi !