Chiude la laguna del Mort
Naturisti senza spiaggia

Giovedì 28 Aprile 2016 di Giuseppe Babbo
Chiude la laguna del Mort Naturisti senza spiaggia
11

ERACLEA - Tramonta la spiaggia naturista alla laguna del Mort. Anche il Comune di Jesolo si dice favorevole all'ipotesi di bloccare l'accesso all'oasi naturalistica, da anni méta degli amanti della tintarella integrale. Dopo l'incendio di lunedì scorso, dal Comune di Eraclea è stato proposto di interdire l'accesso all'area, facendola diventare una zona protetta accessibile solo attraverso delle visite guidate. Impossibile dunque pensare di realizzare lo spazio naturista raggiungibile solo via mare, di cui si parlava da tempo, che non verrà realizzato nemmeno sulla spiaggia di Jesolo, nella zona a ridosso di Cortellazzo, come era stato prospettato. Per il futuro l'unica ipotesi ancora in piedi è quella di costruire un villaggio naturista all'interno della Pineta, ma con un investimento a carico dei privati. 
«Interdire l'entrata alla laguna del Mort organizzando solo delle visite guidate è un'ipotesi che ci vede favorevoli - commenta il sindaco Valerio Zoggia - anche perché nel sito vivono animali e piante protette che rischiano l'estinzione. Gli stessi iscritti dell'Anaa, l'associazione che ha avuto un gestione qualche anno fa un tratto di spiaggia, non hanno più voluto allestire questa struttura, viste le difficoltà logistiche ovvero l'assenza dei servizi igienici, le difficoltà di accesso e il rispetto delle normative sulla sicurezza. Pure sul nostro arenile una spiaggia naturista non potrà essere realizzata: non abbiamo un tratto idoneo a questo scopo». 

Ultimo aggiornamento: 19:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA