Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chioggia, lite furiosa per denaro: 37enne va fuori di sé e prende l'amico a rasoiate

Venerdì 19 Agosto 2022
Chioggia, lite furiosa per denaro: 37enne va fuori di sé e prende l'amico a rasoiate
1

CHIOGGIA - Ha colpito con una rasoiata un conoscente con il quale aveva discusso animatamente, probabilmente per ragioni di denaro, dopo avergli strappato 100 euro e il telefonino cellulare.
Un trentasettenne di nazionalità tunisina è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria ed è comparso ieri mattina alla Cittadella della giustizia di piazzale Roma, di fronte al giudice per le indagini preliminari di Venezia, Antonio Liguori, per l'udienza di convalida. La Procura ha formulato a suo carico l'accusa di rapina.
Dopo aver ascoltato la versione dell'indagato, assistito da un avvocato d'ufficio, il giudice ha deciso di non convalidare il fermo ritenendo che non sussistesse il pericolo di fuga, ma ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere a suo carico, alla luce della gravità del fatto e della pericolosità del soggetto. Il racconto fornito dall'accusato è stato considerato non credibile. A condurre gli accertamenti è il sostituto procuratore di turno, Giovanni Gasperini.

LESIONI VOLONTARIE

L'episodio si è verificato a Chioggia, a conclusione di una violenta discussione scoppiata tra il trentasettenne di nazionalità tunisina e un suo conoscente, che ora si trova ricoverato in ospedale con una prognosi di 15 giorni. Se le condizioni del ferito non dovessero peggiorare, sarà necessaria la sua querela affinché la Procura possa contestare anche il reato di lesioni volontarie. L'uomo è stato colpito con un rasoio al torace, un taglio che fortunatamente è risultato superficiale e non ha lesionato organi vitali.
Sull'episodio la polizia non ha fornito alcun dettaglio: da mesi, infatti, la Procura di Venezia ha deciso di limitare al minimo ogni informazione ai cittadini, anche su vicende di innegabile interesse pubblico. Parziali notizie vengono fornite a distanza di giorni dal momento in cui i fatti si sono verificati.
 

Ultimo aggiornamento: 19:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci