Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Chioggia. San Felice al completo, poi il solito ingorgo a Sottomarina

Lunedì 28 Marzo 2022 di Diego Degan
Chioggia. San Felice al completo, poi il solito ingorgo a Sottomarina

CHIOGGIA - Una domenica quasi estiva. «Sembra giugno», diceva qualcuno commentando le temperature a cavallo dei 20 gradi di ieri mattina. Condizioni meteo ideali che hanno incoraggiato moltissime persone a recarsi in spiaggia (soprattutto), ma non solo. Il Lungomare, l'arenile e la Diga erano, come d'abitudine nelle giornate di primavera e d'estate, pieni di gruppi, famigliole, coppie e singoli, magari in tenuta sportiva, a passeggio e di corsa. Ma il sold out si è verificato, ad esempio, anche per le visite al forte San Felice, nelle Giornate Fai di ieri e di sabato. Vero che la prenotazione, in qualche modo, obbligava alla presenza ma, senza le condizioni meteo così favorevoli, qualche defezione avrebbe potuto esserci. Invece tutto è andato per il meglio permettendo alle 300 persone (15 turni da 20 persone ciascuno) che hanno visitato il forte nel weekend di abbinare alla giornata di svago a Sottomarina, un'esperienza culturale del tutto particolare.


Il rovescio di questa medaglia è, anch'esso, purtroppo, abituale: il traffico che intasa Sottomarina, soprattutto in fase di rientro. Già a mezzogiorno erano stati segnalati rallentamenti per l'accesso alla città, alle 17 le prime code per il rientro e, mezz'ora dopo, il Lungomare e viale Mediterraneo erano letteralmente bloccati. Un esito talmente prevedibile che, proprio a partire da ieri e per tutti i pomeriggi festivi, ha indotto Arriva Veneto a limitare le corse delle linee 80 e 85 per non incorrere negli ingorghi stradali. Il progetto di rifacimento del Lungomare (dell'ex amministrazione Ferro e, per ora, fermo) è osteggiato dall'attuale maggioranza perché prevede una sola corsia per senso di marcia, in polemica con Obbiettivo Chioggia secondo cui il previsto doppio senso in viale Colombo e i futuri parcheggi in Area Reduci, garantirebbero una viabilità adeguata.

Ultimo aggiornamento: 17:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci