In chiesa l'elemosina si fa con il bancomat. La prima offerta con il Pos da un turista straniero

PER APPROFONDIRE: bancomat, chiesa, chioggia, elemosina
Chioggia, Pos in chiesa per le offerte

di Diego Degan

CHIOGGIA - «No, non mi aspettavo una reazione così critica da parte dei cittadini. Ma, forse, potevo immaginarlo: il primo a fare un'offerta con carta di credito è stato un turista straniero». Monsignor Adriano Tessarollo, vescovo di Chioggia, non è nuovo ai confronti mediatici e quando si è diffusa la notizia dell'installazione, in tre chiese del centro, di apparecchi Pos per la raccolta delle offerte, è intervenuto personalmente a spiegare, a fedeli e non, il senso di questa iniziativa, tra le primissime del genere in Italia, mentre all'estero il sistema è più diffuso. Del resto, che la cosa facesse clamore era inevitabile, perché il momento del lancio del nuovo servizio è stato scelto proprio in concomitanza con il Festival della comunicazione, iniziativa di rilevanza nazionale,  organizzata dalle congregazioni paoline (gli editori di Famiglia Cristiana, per capirci) che, ogni anno, in una diocesi diversa, affronta un tema relativo al mondo dell'informazione. Quest'anno, a Chioggia, dal 17 maggio, al 2 giugno, «Le belle notizie: dal virtuale al reale». E, forse, nelle intenzioni del vescovo e degli organizzatori, anche questa doveva essere una bella notizia. 
MENU DIGITALEIn ognuna delle tre chiese (Cattedrale, san Giacomo e san Martino) è stato, infatti, posizionato un apparecchio Pos che permette, attraverso un menù iniziale di scegliere se donare per accendere una candela, far celebrare una Messa, specificando per chi e quando, o fare un'offerta alla parrocchia o ad altro istituto religioso. Il costo (1, 2, 3 euro, ecc. per le candele, a seconda del loro numero, un minimo di 10 euro per una Messa e qualunque cifra per l'offerta), viene pagato attraverso una carta di credito o bancomat come se si facesse un acquisto in negozio, con emissione di regolare ricevuta che, nei casi previsti, può anche essere scaricata dalla dichiarazione dei redditi. L'importo pagato finisce nel conto corrente della parrocchia e la commissione bancaria viene detratta dall'offerta: 30 centesimi per le piccole donazioni, l'8% per quelle più consistenti. Le donazioni sono possibili anche da casa, collegandosi al sito www.donatelumen.org. Spetta al parroco, al quale arriva in automatico una mail, con la causale scelta dal donatore, adempiere alla richiesta formulata. Lo scopo principale di questa innovazione era quello di scoraggiare i furti in chiesa. «Non passa settimana dice Tessarollo senza che qualcuno spacchi una cassettina di offerte o si prenda il loro contenuto. Spesso sappiamo anche chi sono i ladri». Clamoroso, proprio pochi giorni fa, il caso di un padre di famiglia (moglie e due figli piccoli) che aveva rubato nella chiesa della stessa parrocchia che, ogni mese, gli regalava un pacco di generi alimentari. 
CONTRO I FURTI«Si spera, in questo modo continua Tessarollo di scoraggiare simili gesti, di evitare i potenziali pericoli per i fedeli e i danni materiali che ogni furto provoca, oltre naturalmente, di non dover interrompere il flusso delle opere di carità». Ma i commenti social non sono stati teneri con l'iniziativa della Curia e tanti hanno intravisto in essa un interesse economico. «Si cerca di aumentare l'importo delle offerte, 1 euro, invece dei 50 centesimi», «Che fine fanno quei soldi», «Entri per pregare, ti trovi il bancomat da pagare» e, perfino, «fuori i mercanti dal tempio». Una serie di reazioni negative che ha indotto il vescovo a intervenire sui social cittadini. «Non c'è alcun obbligo dice il monsignore chi vuole usa il Pos, chi vuole donare in maniera tradizionale può continuare a farlo, chi non vuole donare non è obbligato. Il sistema è sperimentale per tre mesi e poi tireremo le fila. A chi mi dice che, per gli anziani (come me, del resto), può essere scomodo, rispondo che ci sono anche giovani e persone di mezza età che lo possono usare, a chi mi parla della carità che si fa in silenzio, rispondo che chi dona in chiesa è visibile quando mette le monetine come quando usa il Pos, ma l'importo donato non si vede, a chi non si fida, rispondo di non donare se non vuole». 
Diego Degan
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 20 Maggio 2019, 09:22






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
In chiesa l'elemosina si fa con il bancomat. La prima offerta con il Pos da un turista straniero
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2019-05-21 11:51:34
Non vale la pena rispondere a certi commenti. Sta di fatto che siamo retrogradi. All'estero è già una cosa normale e libera come l'attuale modo dei contanti. La cosa bella e serie sarebbe che chi non va mai in chiesa non pretenda nulla dalla Chiesa né oggi né domani e soprattutto per il proprio funerale. Coerente e serio sino in fondo!
2019-05-21 15:13:31
Giusto. In Germania hanno creato una tassa sul credo religioso: si versava in base alla dichiarazione dei redditi alla chiesa indicata. Da quel momento e' aumentato a dismisura il numero degli atei.
2019-05-21 02:08:52
Eh gia', vogliono che si aprano le porte ai "doni di Dio", ma giustamente fanno in modo che non possano servirsi da soli dalle loro cassette.
2019-05-21 00:01:24
Io ci vado pochissimo in Chiesa ,la prossima volta farro una offerta di 5 centesime con il Bancomat
2019-05-21 15:14:27
Controlla che poi non ti addebitano 60 o piu' cent di spese per l'operazione ...