Militari subito sospesi, la loro difesa
non sta in piedi: sconvolti i colleghi
del "Battaglione Veneto"

Bocche cucite in caserma Militari subito sospesi
IL CASO Entrambi piantonati in ospedale sono caduti in contraddizione
MESTRE - Carabinieri a Mestre, rapinatori in Campania. Rimasti feriti nel corso della sparatoria seguita all’assalto di un supermercato di Ottaviano (Napoli), inizialmente si pensava che i due militari, in licenza da alcuni giorni, addirittura potessero essere intervenuti per bloccare i banditi in fuga sulla strada statale 268 del Vesuvio. In serata la svolta clamorosa e dopo la morte del negoziante la terribile accusa di omicidio.



Iacopo Nicchetto 35 anni, di Chioggia, e Claudio Vitale 41 anni, napoletano di Cercola, entrambi in servizio al Battaglione di Mestre, sono in stato d’arresto, piantonati all’ospedale: uno colpito da una pallottola al gluteo, l’altro con fratture al naso. Sotto choc l’Arma e anche l’opinione pubblica. Entrambi sono stati sospesi dal servizio con effetto immediato.







A destare qualche sospetto il fatto che fossero rimasti coinvolti nell’inseguimento ad altissima velocità lungo l’arteria che collega i comuni vesuviani e che seppur in borghese, avessero con sé le pistole. Dalle loro versioni, si è appreso, sarebbero emerse forti contraddizioni.



La notizia è rimbalzata velocemente ed è giunta a Mestre come un fulmine a ciel sereno. Incredulità e sgomento da parte dei colleghi che, a caldo, non hanno voluto commentare l’accaduto in attesa di conoscere con esattezza come sono andate le cose. Per ora dunque bocche assolutamente cucite.

I due carabinieri fermati in Campania sono in servizio a Mestre nella caserma di viale Garibaldi dove si trova il Comando del IV Battaglione "Veneto". I due prestavano servizio assieme ad altri 400 colleghi d’Arma.



Un battaglione, quello di stanza in viale Garibaldi a Mestre, che si occupa soprattutto di servizi di ordine pubblico e che appoggia la Protezione Civile durante le varie operazioni. Un battaglione comunque che ha pochi rapporti con i comandi territoriali che generalmente prestano altri tipi di servizi sul territorio e sono occupati in attività di indagine.



Incredulità anche a Chioggia, la città dove è nato uno dei due carabinieri arrestati, Iacopo Nicchetto. Nessuno per ora ha voluto commentare il fatto di sangue. Nicchetto avrebbe dei parenti a Chioggia mentre secondo alcune indiscrezioni, comunque da verificare, il padre del carabiniere vivrebbe in Germania. Il genitore sarebbe un ex autista della Asl di Chioggia andato in pensione solo tre anni fa. Jacopo, che ha due fratelli, si sarebbe sposato con una ragazza siciliana e abita a Valli. Tutti lo descrivono come una persona apparentemente tranquilla.

Giovedì 26 Marzo 2015, 07:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Militari subito sospesi, la loro difesa
non sta in piedi: sconvolti i colleghi
del "Battaglione Veneto"
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2015-03-27 20:07:09
tranquilli molti santi sono stati inquisitori. alcuni carabinieri rapinatori. poliziotti e finanzieri concussori, preti pedofili e via discorrendo. diceva qualcuno che è l\'occasione che fa l\'uomo ladro ed un altro provocatore insisteva sul fatto che chi è senza pecca\\to scagli la prima pietra. così è sempre stato e probabilmente lo sarà per tanto ancora....
2015-03-26 11:01:19
Molti dubbi.... Due carabinieri si muovono dal Veneto per andare a rapinare un supermercato a Napoli, di proprietà di un noto personaggio della camorra, poi vengono inseguiti?? Mah, secondo me qui è tutto tranne una rapina finita male....Forse una copertura saltata, o fatti assai più loschi celati sotto...
2015-03-26 10:39:09
Le mele marce In ogni contesto ci cono sempre delle mele marce, questo episodio mi fa tornare in mente la banda della uno bianca. Penso che i carabinieri indagheranno a fondo per verificare se si tratta di 2 sole mele marce o se ce ne sono delle altre. Se è una rapina isolata o se tale attività criminale dei 2 carabinieri durava da tempo.
2015-03-26 08:58:29
se è vero doppia condanna se non tripla e certa
2015-03-26 08:44:41
Aprite un indagine... verificate e controllateli tutti... trasferiteli tutti quattrocento d\'ufficio. . !!!