Minacce per l'esposto al negozio di cannabis, sequestro confermato

PER APPROFONDIRE: cannabis, minacce, negozio, venezia
Minacce per l'esposto al negozio  di cannabis, sequestro confermato

di Roberta Brunetti

VENEZIA Serrande abbassate, ieri, per il Cannabis store Amsterdam, messo sotto sequestro per una serie di irregolarità, dopo l'esposto del comitato Marco Polo di Luigi Corò, che per questo, nel frattempo, si è ritrovato la pagina Facebook intasata di insulti e minacce. Già oggi, intanto, il negozio potrebbe riaprire, non per vendere alimenti, ma tutto il resto: magliette, cappelli, zainetti, e pure le foglie di cannabis e le sementi al centro delle polemiche, qui vendute ad uso decorativo. Questo almeno è l'obiettivo di Lorenzo, il titolare dell'attività in franchising che ieri avrebbe avuto un primo via libera dagli uffici comunali. Insomma una vicenda in pieno sviluppo.
Il negozio è sotto sequestro da martedì per una serie di irregolarità emerse nel sopralluogo congiunto di Polizia municipale, servizio igiene degli alimenti dell'Ulss e Nas dei carabinieri. Innanzitutto la mancanza dei requisiti necessari a vendere prodotti alimentari: dall'acqua, al bagno, al manuale Haccp! Sono stati anche sequestrati dei campioni di merce da analizzare. Il sospetto avanzato dall'esposto di Corò è che si superino le quantità di principio attivo fissate per legge: lo 0,2%, massimo 6%, di Thc. Per i risultati bisognerà attendere qualche giorno.

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 1 Febbraio 2018, 10:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Minacce per l'esposto al negozio di cannabis, sequestro confermato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2018-02-01 21:10:20
Per quanto posso capire dall'articolo, se i prodotti alimentari sono confezionati (altamente probabile) non vedo la ragione per la quale il bagno sarebbe indispensabile. Ad esempio dai tabaccai spesso si trovano caramelle, cioccolata, e dolci vari. Vi consta che abbiano tutti i servizi? Il manuale di autocontrollo in un caso del genere consterebbe sì e no in due paginette e comunque la sua mancanza darebbe luogo, al massimo, a una semplice prescrizione, mal che vada, a una contravvenzione. Sulla ratio di htc nulla posso dire, ma se fosse nella norma il titolare potrebbe tentare di rivalersi sui vari attori per i danni eventualmente prodotti.
2018-02-01 21:01:55
Caro Lorenzo, metta su le slot machine, quelle allo stato grassatore vanno benissimo e presumo anche ai benpensanti.
2018-02-01 18:32:35
Stiamo scivolando verso un paese medievale... Grazie a tutto il bigottume!!
2018-02-01 16:59:37
W l'italietta....sempre piu' etta!!!
2018-02-01 15:01:37
Se andassero a controllare tutti i negozi, sai quanti chiuderebbero per motivi igienici,sicurezza ecc. Scoperta casuale: Per il conferimento della plastica e lattine i comuni cittadini e negozi devono usare sacchetto azzurro semitrasparente da prelevare in apposito ufficio Savno o apposito contenitore di plastica.I sacchetti di plastica neri non regolamentari vengono lasciati sul posto con verbale, ma non tutti .Quelli di un negozi di "amico o conterraneo" vengono raccolti.Che non sia cosi' per i negozi antipatici, impallinati a dovere nel tallone d'Achille? Solo un baucco puo' venire a Venezia a comprarsi a Prezzo maggiorato cio' che in qualsiasi parco o suburra ti tirano dietro.Poi gli stranieri, tartassati in patria da esorbitanti accise sugli alcoolici normali e super, quelli vanno cercando...e trovano senza essere schedati a modico prezzo ed ampia scelta..Poi per uno sballo gratis , basta annusare certi prodotti di finta pelle o valigeria o vestiario esalanti vapori di mastice, trattamento chimico tessuti.