Campana "selvaggia", parroco costretto dal giudice a pagare

Martedì 30 Gennaio 2018 di Gianluca Amadori
Don Paolo Cargnin
16
VENEZIA - Don Paolo Cargnin, pagherà 460 euro di oblazione e il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone, contestato in relazione al livello sonoro delle campane della chiesa, sarà dichiarato estinto. È l'esito dell'udienza di ieri, celebrata di fronte al giudice penale di Venezia, Sara Natto. Ad attivare la giustizia penale contro Cargnin, 66 anni, originario di Camposampiero, è stato un quarantasettenne residente in prossimità della parrocchia il quale assistito dall'avvocato Leonello Azzarini, ha presentato una querela nel luglio del 2013, sostenendo di aver cercato invano di convincere il parroco a silenziare le campane, almeno nelle prime ore del mattino. Il residente potrebbe ancora decidere di citare la parrocchia di fronte al Tribunale civile per ottenere il risarcimento dei danni lamentati a causa del rumore ritenuto eccessivo...
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA