Camion incastrati nel tunnel, blocchi del traffico infiniti: i cittadini di Marano non ne possono più

Mercoledì 17 Novembre 2021 di Luisa Giantin
ENNESIMO STOP Il camion rimasto bloccato ieri mattina nel tunnel sotto la ferrovia. La scena si ripete più volte al giorno
1

MIRA (Venezia) - «Non ne possiamo più, qualcuno deve intervenire. Nel sottopasso ferroviario di via Caltana, a Marano, ogni giorno si bloccano almeno quattro o cinque camion a causa dell’altezza ridotta, creando continui disagi e situazioni di pericolo». Nuovo appello dei residenti di centro di Marano, esasperati dal continuo passaggio di camion di grandi dimensioni che provengono dall’uscita dell’autostrada di Mirano e transitano in centro per dirigersi lungo via Caltana. 

«COME BISONTI»
É proprio a poche centinaia di metri dalla rotonda del centro che si crea un vero e proprio imbuto. Il sottopasso ferroviario è alto 3,7 metri, ma in quel punto si immettono camion più alti, almeno 4-5 al giorno secondo i residenti, diretti alle più importanti industrie miresi come Marchi o Reckitt Benckiser, guidati dai navigatori satellitari. «Gli autisti se ne accorgono solo all’ultimo momento – raccontano da Marano –, così si fermano e sono costretti a girarsi per tornare indietro, creando code di auto, con inversioni di marcia azzardate. Se trovano il parcheggio del mobilificio entrano e si girano, ma sono dei giganti e provocano spesso danni a murature e cancelli o, in alternativa, bloccano la viabilità». Ma capita anche che ci siano autisti che tirano dritto, incastrando il “bisonte” nel sottopasso, come avvenuto anche ieri mattina. Qualche tempo fa capitò ad una cisterna e fu necessario l’intervento di agenti della polizia municipale e vigili del fuoco per risolvere la situazione poiché si temeva che trasportasse del materiale pericoloso. 
DANNI
«Il sottopasso è visibilmente danneggiato da questi camion – affermano i residenti - ed il pericolo è che le continue sollecitazioni del passaggio dei treni possa ulteriormente compromettere perfino la staticità del ponte». In realtà la viabilità alternativa al passaggio del sottopasso su via Caltana esiste ed è la bretella di via Bacchin, ma evidentemente i navigatori satellitari non la prendono in considerazione. C’è anche un segnale stradale verticale nella rotonda in centro che indica l’altezza del tunnel, ma viene sistematicamente ignorato dai camion. «Sono anni che segnaliamo questo problema e la necessità di mettere in sicurezza via Caltana soprattutto in questo tratto così delicato, ma nessuno interviene» avverte Maurizio Corò, consigliere comunale in minoranza del gruppo Fucsia a Mira. «Sporadicamente intervengono anche i vigili urbani e i carabinieri elevando delle multe, ma – sottolinea Corò - gli autisti dei camion anche con trasporti eccezionali vengono spesso da lontano e seguono le indicazioni dei navigatori. É pericoloso non solo per la viabilità, ma anche per la staticità del ponte ferroviario che viene sottoposto a continue sollecitazioni dei camion sotto e dei treni sopra». Per Corò una soluzione per risolvere il problema ci sarebbe. «In prossimità del centro di Marano dovrebbe essere installato un lampeggiante che avverte con segnaletica luminosa delle ridotte dimensioni del ponte – spiega il consigliere -. Sulla rotonda potrebbe poi essere installato anche un sensore che misura l’altezza dei camion e, attraverso un segnale sonoro, avverte l’autista di non proseguire. Soluzioni semplici che risolverebbero molti disagi ai residenti di Mira, problemi alla viabilità locale ed eviterebbero situazioni di pericolo». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 12:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA