La proposta del sindaco Romanello: «Il nuovo stadio del Venezia? Facciamolo a Marcon»

Domenica 16 Maggio 2021 di Mauro De Lazzari
I tifosi del Venezia assiepato in curva allo stadio Penzo

MARCON - Di un nuovo stadio a Venezia se ne parla da più di sessant’anni, fin dai tempi del sindaco Favaretto Fisca quando sembrava che l’impianto fosse prossimo a sorgere nell’area dell’attuale Parco di San Giuliano. Decine di idee e progetti, indicati numerosi siti d’interesse, fatte proposte e controproposte e avanzati suggerimenti di ogni genere, ma stringi stringi, siamo ancora fermi al vecchio e glorioso stadio Penzo (per cui la società ha appena rinnovato la convenzione col Comune per altri 9 anni). Ora pare che anche l’ultimo ed ambizioso progetto dell’impianto di Tessera, secondo quanto si dice in seno alla dirigenza lagunare, faccia fatica a decollare. 
«Non so con esattezza se i problemi che affiorano ogni volta che si parla dello stadio siano di carattere finanziario o relativi alla scelta di dove localizzare l’impianto – interviene il vulcanico sindaco di Marcon, Matteo Romanello – ma una cosa di certo la so. Ovvero, che se il presidente del Venezia e gli eventuali investitori volessero rivolgere lo sguardo verso il territorio marconese, sarebbero da noi accolti a braccia aperte. A Marcon c’è tutto quello che potrebbe servire – sottolinea il primo cittadino - sia per quanto riguarda gli spazi necessari alla realizzazione di un grande impianto, che i servizi a corredo di una struttura sportiva di questa levatura. A qualche centinaio di metri dall’uscita autostradale e dalla stazione ferroviaria di Porta Est ci sono vastissime aree agricole che, se d’interesse, l’amministrazione che guido potrebbe in tempi rapidi destinare, attraverso una variante urbanistica, ad un utilizzo sportivo».
«FACILE DA RAGGIUNGERE»
«Grandi spazi – continua Romanello - per ricavare tanto lo stadio, quanto, tutt’attorno, capienti parcheggi, facilmente raggiungibili sia per chi arriva con l’automobile o l’autobus vista la presenza di numerose ed importanti arterie stradali che convergono verso queste aree, che per chi sceglie di arrivare con il treno. Raggiungere, tra l’altro, Marcon con il treno sarà sempre più facile – prosegue il sindaco – dal momento che la stazione di Gaggio Porta Est è destinata a diventare uno snodo di notevole importanza per questa zona, soprattutto ora che nel progetto del collegamento ferroviario con l’aeroporto non figura più la fermata all’altezza del Quadrante di Tessera». «La mia idea – spiega Romanello - che non nego stia a metà strada tra una proposta e una provocazione, nasce dal fatto che mi piange il cuore nel vedere il Calcio Venezia, società nella quale ho militato per diversi anni nelle categorie giovanili, costretto a giocare in uno stadio che per quanto ricco di storia sia è ormai del tutto inadeguato ad accogliere incontri di un certo livello. Quest’anno, poi, la squadra sta andando alla grande, anche se per scaramanzia non aggiungo altro visto i traguardi che potrebbe ancora raggiungere, e quindi a maggior ragione – conclude il sindaco di Marcon – meriterebbe di giocare in un impianto all’avanguardia e soprattutto facile da raggiungere per le tifoserie».

 

Ultimo aggiornamento: 10:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA