Motoraduno, due vespisti cadono sulle rotaie del tram: chiesti i danni

Giovedì 20 Giugno 2019
12
Partecipano al motoraduno, finiscono ruote all’aria sulle rotaie del tram, e qualcuno anche in ospedale. Due centauri, un 39enne di Rubano e un 40enne di Parma, accomunati dalla passione per la Vespa, sono caduti il 19 maggio scorso al “Venexxia Scooter Rally”, raduno storico  al Lido di Venezia restando  vittime dell'insidia delle rotaie del siluro rosso. Complice il maltempo di quei giorni, almeno una ventina di centauri nel percorso obbligato per l'imbarco del ferry boat, il Ponte della Libertà, hanno perso il controllo delle Vespe attraversando la linea ferrata e sono rovinati a terra.

Il 29enne padovano è rimasto illeso: ha avuto invece bisogno di una bella “ripassata” dal carrozziere la sua Vespa da collezione, per botte e strisciate. E’ andata peggio al 30enne emiliano: oltre alla moto danneggiata, ha riportato brutte contusioni ad anca e ginocchio e ha avuto bisogno di cure al pronto soccorso, per 7 giorni di prognosi. Attraverso Studio 3A, società specializzata che ha già seguito diversi casi del genere, chiedono i danni a Veneto Strade. Si ripropone l’annoso e irrisolto problema del pericolo per l’incolumità degli utenti delle due ruote costituito dalle rotaie che, specie sul Ponte, hanno causato innumerevoli cadute, feriti e, purtroppo, anche una vittima: Chiara Nobile.
© RIPRODUZIONE RISERVATA