Minaccia un coetaneo per avere denaro, arrestato bullo di 18 anni

Martedì 10 Dicembre 2019
10
VENEZIA - I carabinieri di Mira hanno arrestato un giovane cubano di 18 anni, compiuti da poco, per aver estorto, con violenza, da alcune settimane, del denaro ad un coetaneo. L'indagato, per motivi legati ad un debito contratto per l'acquisto di droga, aveva avanzato, accompagnandole con ripetuti episodi di intimidazioni, percosse e minacce, continue richieste di denaro alla vittima. Poche centinaia di euro, agli inizi, ma poi le richieste si sono fatte più esose e il giovane cubano è arrivato a rapinare la vittima del portafogli, dopo averlo picchiato.

L'arrestato, pur essendo neomaggiorenne è già noto alle Forze dell'Ordine anche di fuori provincia poiché riconosciuto come componente attivo della cosiddetta «baby gang» che si è fatta conoscere, nei mesi scorsi, per le scorribande sia a Venezia che nella terraferma, con continui atti di prevaricazione - specie sulle fasce più deboli della società - risse e per piccoli episodi di spaccio. L'indagato è stato inoltre segnalato come spacciatore in vari comuni trevigiani e veneziani ed è stato anche denunciato, con altri giovani, dai carabinieri di Mira, per aver lanciato sassi dal cavalcavia ed aver partecipato a furti vari. La sua attività 'criminalè è finita quando i carabinieri, che lo pedinavano da tempo, sono intervenuti dopo che aveva preso 30 euro dalla sua vittima.
Ultimo aggiornamento: 13:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA