Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'ex ministro Brunetta: «Non mi ricandido alle elezioni, incomprensibile far cadere Draghi»

L'annuncio e il commento: «Nessun rammarico o rimpianto, ma un po' di dolore»

Domenica 14 Agosto 2022 di Redazione Web
L'ex ministro Brunetta: «Non mi ricandido alle prossime elezioni, incomprensibile far cadere Draghi»
4

VENEZIA - Il docente veneziano ed ex  ministro e attualmente ministro uscente della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, non si ricandiderà alle prossime elezioni. Lo ha annunciato lui stesso nelle prime dichiarazioni di venerdì 12 e poi ieri lo ha ribadito in un'intervista al Corriere, parlando di «nessun rammarico e nessun rimpianto», ma «un po' di dolore» riguardo la sua decisione, dopo l'addio a Forza Italia in seguito alla caduta del governo presieduto da Mario Draghi.

«È stato un mese di emozioni forti e decisioni difficili. Ho visto FI contribuire alla caduta di Draghi - evidenzia - Il governo più credibile, autorevole e serio, che poteva farci uscire da una situazione tragica che ha visto sommarsi pandemia, guerra, inflazione e uno spread minaccioso. Un atto incredibile e incomprensibile». Il sogno di Brunetta era quello di «votare a fine legislatura, dopo una legge di Bilancio draghiana forte e strutturata. Ora abbiamo uno scenario distopico, il peggiore possibile». Il ministro spera che l'attuale situazione non porti l'Italia a perdere i fondi europei del Pnrr: «Ma è chiaro che tutto è rallentato - afferma - E di mezzo c'è la legge di Bilancio, che ovviamente partirà in gravissimo ritardo. Poi bisogna vedere che atteggiamento avrà l'Ue in ragione della credibilità del prossimo governo, qualunque esso sia».

Il ministro definisce Giorgia Meloni «l'unica che ha una posizione coerente. Ha fatto un'opposizione dura, ma anche seria e si candida a governare. Non ho pregiudizi verso di lei». E ricorda: «Quando eravamo vicini di banco, durante il governo Berlusconi del 2008, parlavamo spesso. Ho un bel ricordo dei nostri colloqui, mi chiedeva consigli che io da professore davo ben volentieri. Glieli darei anche oggi, nello spirito repubblicano». Sul programma appena presentato dal centrodestra ricorda: «È la prima volta che non scrivo il programma 'azzurro', logico che si sommino sofferenza e ricordi. Anche perché i 15 punti sono in continuità con il passato». E sul futuro: «Rimango a disposizione per servire ancora il mio Paese, con le idee e le energie di sempre. Mi occuperò di più di Venezia e della mia famiglia, i grandi amori della mia vita». 

Ultimo aggiornamento: 17:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci