Barca contro una briccola nella burrasca: grave il pilota, salvi i 3 amici

Mercoledì 18 Agosto 2021 di Monica Andolfatto
Il canal Salso
3

MESTRE - La burrasca infuria, la barca con 4 persone si schianta su una briccola, gravissimo il conducente, un mestrino di 41 anni, ricoverato in prognosi riservata all’Angelo. Sono all’incirca le 22 dell’altra sera quando anche in laguna si è abbattuto il violento fortunale che ha spazzato la città l’intera provincia ingenti i danni ma per fortuna nessuna segnalazione di feriti. Invece in acqua si è rischiata la tragedia. Il caso ha voluto che in mezzo a quel pandemonio ci fosse in transito anche un tassista che vista la scena non ha perso tempo e ha prestato subito i primi soccorsi salvando la vita a tutti i naufraghi.


CRONACA
I quattro amici, tutti mestrini fra i 35 e i 40 anni, sono stati sorpresi dal maltempo mentre da Venezia rientravano a Mestre. Nessuno di loro si sarebbe aspettato un cambiamento delle condizioni meteo così repentino e furioso. Quando hanno visto che si alzava un po’ di vento e cominciavano le prime gocce di pioggia hanno deciso di salire sull’imbarcazione e di affrontare la laguna: neanche mezz’ora e avrebbero raggiunto la terraferma. Non è stato così.
L’incidente nautico nel canal Salso, quando a causa delle impetuose raffiche di vento e del nubifragio che nel frattempo si era scatenato e che aveva ridotto anche la visibilità, con ogni probabilità il natante è diventato ingovernabile finendo col centrare una briccola.


SOCCORSI
L’impatto è stato piuttosto cruento e a riportare le lesioni più serie è stato, come detto, il conducente. La fortuna ha voluto che poco dopo in quello stesso tratto di canale si sia trovato a passare un lancione di un tassista che accortosi dei quattro in grosse difficoltà non si è preoccupato di nulla se non di prestare loro aiuto come poteva. Li ha issati nella propria imbarcazione e prima di puntare a tutta velocità verso terra, è pure riuscito a spegnere il motore del mezzo fracassato. L’approdo, quello più vicino, lo ha guadagnato nell’area dello Scafo club di via Paganello.


AMBULANZE
Ed è qui che il Suem, allertato nel frattempo, ha fatto convergere quattro ambulanze e un’automedica perché non si era in grado di stabilire a priori le reali condizioni dei singoli passeggeri. La massima urgenza è stata data all’assistenza del 41enne proprietario della barca che una volta stabilizzato è stato trasportato a sirene spiegate all’ospedale di Mestre e ricoverato i terapia intensiva per il politraumi riportati. Anche gli altri tre amici, socco choc e infreddoliti, sono stati portati al pronto soccorso per essere comunque medicati e sottoposti a diagnostica.


INDAGINI
Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri del Norm di Mestre che conducono le indagini per ricostruire la dinamica dell’incidente e che nell’immediato hanno avvisato il magistrato di turno. I rilievi sono stati eseguiti dai militari del Nucleo natanti di Venezia che hanno provveduto a recuperare l’imbarcazione e a porla sotto sequestro. Nel pomeriggio di ieri gli uomini dell’Arma hanno provveduto anche a verbalizzare la testimonianza del tassista, che va ribadito è stato fondamentale per il salvataggio.

Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 09:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci