Lo scrittore francese Pennac: «L'appello per Battisti fu una stupidaggine»

Sabato 6 Aprile 2019
39

VENEZIA - Daniel Pennac, noto scrittore  francese, ha chiesto scusa sul "caso Battisti". Lo ha fatto a Venezia in chiusura della rassegna "Incroci di civiltà", il festival di letteratura ideato da Ca' Foscari. L'evento all'auditorium Santa Margherita è stato l'occasione per intervenire sul "caso Cesare Battisti" e chiedere scusa agli italiani per aver firmato l'appello in favore dell'ex brigatista quando era rifugiato a Parigi. Lo ha fatto rispondendo a una domanda di un giornalista del Gazzettino: «Io in quell'epoca mi sono opposto alla estradizione di Cesare Battisti quando era in Francia - le parole testuali dello scrittore - E' stata una grande stupidaggine da parte mia" ha detto davanti alla platea - Battisti ha mentito alla Giustizia italiana, ha mentito a Mitterrand e a coloro che  si facevano garanti per lui che si è rivelato un assassino. Dunque io sono stato uno stupido - ha ribadito scandendo le parole e alzando la voce - ma io ho difeso un'idea, questa è veramente politica pura. Mitterrand in quegli anni, 1985-1990, ha disarmato le 
Brigate rosse italiane. Ci sono persone che hanno deposto le armi. Lui ha messo fine alla guerra civile. Se Mitterand non avesse disarmato i brigatisti non ci sarebbe stata quella pace. La sua azione è stata quindi molto importante. Io non rilascerò altre interviste su questo argomento» ha quindi concluso Pennac.  (traduzione di Carla Toffolo)
 

I servizi sul Gazzettino del 7 Aprile 

Ultimo aggiornamento: 7 Aprile, 15:32 © RIPRODUZIONE RISERVATA