Venerdì 24 Maggio 2019, 08:16

Dopo la cacciata, il sindaco corteggia Bansky: «Lo aspetto in municipio»

PER APPROFONDIRE: bansky, invito, sindaco, venezia, vigili
Dopo la cacciata, il sindaco corteggia Bansky: «Lo aspetto in municipio»

di Alda Vanzan

VENEZIA - «Se mi fa avere l'indirizzo, perché non saprei proprio come raggiungerlo, gli mando l'invito. Lo aspetto in municipio». Il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, sorride. Ha appreso che i suoi vigili hanno cacciato il più grande artista di strada dei nostri tempi e, sottolinea, l'hanno fatto pure con garbo. Del resto, come potevano sapere che quel signore che il 9 maggio scorso, armato di cavalletto e una composizione di tele raffiguranti l'invasione di una nave da crociera in bacino di San...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Dopo la cacciata, il sindaco corteggia Bansky: «Lo aspetto in municipio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 14 commenti presenti
2019-05-24 16:18:11
La vera ragione per cui il campagna proveniente ha voluto farsi eleggere sindaco: abbracciare Obama, sbacciucchirsi con Putin, litigare con Elton Jhon e farsi fotografare abbracciato con Macron. Rigorosamente foto con cornice nella cucina di casa.
2019-05-26 06:45:11
"Elton John"
2019-05-24 14:52:20
Le solite buffonate del sindaco, ricordate i Giapponesi che dopo aver pagato oltre 1000 EU. per una cena che ne valeva 100? Invitati anche loro( se ci siano andati non si sa). Deve essere amico di Di Maio Promesse e poi ratifiche che siano inparentati?
2019-05-24 14:21:23
che sia Bansky o Fred Astaire se non hai il permesso non esponi e non balli. Altrimenti ci troveremo 20 milioni di artisti. Provate in qualsiasi altra parte del mondo e poi vediamo se ti premiano. Ma qui abbiamo gente che si finge francese e non è mai uscita dalla tana. Rispetto delle regole per tutti, non solo per i nemici.
2019-05-24 13:45:34
caro sindaco, banksy non ha tempo da perdere con lei e le assicuro che non la considera proprio, ha voluto solo dimostrare che ormai Venezia, come come molte altre città storiche ormai è fagocitata dal turismo e ha perso la sua identità originaria.