Banksy, il murale del bambino è opera sua: c'è la rivendicazione ufficiale

PER APPROFONDIRE: bansky, murale, murales, street art, venezia
Il murale di Bansky
VENEZIA - Giallo risolto. Il murale è proprio di Banksy.  La conferma è arrivata verso le 15 di oggi, 24 maggio, e come sempre accade arriva dal profilo ufficiale di Instagram. Banksy ha rivendicato il murale del bambino con indosso un giubbotto di salvataggio e un fumogeno apparso giorni fa sul muro di un palazzo a Venezia, non distante da campo Santa Margherita. L'artista lo ha fatto sul suo profilo Instagram, voce ufficiale. Ora non ci sono più dubbi. Dopo la performance del 9 maggio a San Marco, un altro omaggio di Banksy a Venezia.

Il murale sul rio veneziano è dunque un altro omaggio che il re della street art ha voluto fare a Venezia. Pochi giorni fa aveva installato in piazza San Marco  un "polittico" che raffigura una grande nave in Bacino San Marco, ma era stato cacciato dai vigili urbani.

LEGGI ANCHE Dopo la cacciata da San Marco, il sindaco invita Banksy in Municipio

La performance di Banksy in piazza San Marco:  l'artista cacciato dai vigili


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 24 Maggio 2019, 16:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Banksy, il murale del bambino è opera sua: c'è la rivendicazione ufficiale
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-05-25 09:04:17
Omaggio? Ma stiamo scherzando? Qualcuno sa che a Venezia esiste un vincolo relativo le facciate esterne di tutti gli edifici? Dovrebbe chiedere sanatoria!! Altro che!
2019-05-25 07:35:45
Se si vedesse come fa, ogni alunno di seconda media riuscirebbe.Forme ritagliate su carta e magari scaricate ed ingrandite, nastro da carrozziere per applicare e poi spray... et voila'. C'havemo er novello Tintoretto de noantri.Chiamano arte anche i tatuaggi...noi li facevamo al liceo con penna a china e tecnica della puntinatura su carta Fabriano pesante liscia(ocio!, il prof se ne accorgeva subito se non era quella..), ostregando sottovoce in quanto si perdevano ore ed ore e avevamo poi da studiare le materie toste fino a tardi di notte.La mano continuava a ticchettare anche per parecchio tempo dopo, ormai un tic.Infatti a maturita' raggiunta i disegni della propria cartella vennero dai piu' eliminati con ignominia.
2019-05-25 04:13:55
Non comprendo perché il signore in questione, da buon inglese, non lo faccia a londra. Alla fin fine tutta la storia della brexit è nata per un gigantesco campo profughi all’imbocco del tunnel della manica... Purtroppo anche il nobilissimo artista cade nella solita discriminazione ovvero che il problema dei migranti è solo italiano.
2019-05-24 21:25:47
La pochezza di questi commenti è la stessa pochezza della classe politica che ci porterà nel baratro. Ma tant'è...tireremo le somme fra pochi anni. Purtroppo
2019-05-24 20:03:09
Se fossi il proprietario di quel muro,e non glielo avessi chiesto io di farlo, glielo farei pulire con la lingua. E comunque vada a fare sti disegnini in Africa, non ha nulla a che vedere con le opere di gente come Tintoretto, Canaletto, Tiziano ecc... questo tra vent'anni non se ricorderà più nessuno