Attacco hacker: presa di mira pure la Soprintendenza, richiesto il riscatto

Attacco hacker: presa di mira pure la Soprintendenza, richiesto il riscatto

di Tullio Cardona

VENEZIA - Mentre ci si aspetta il nuovo virus cibernetico già presente in Russia ed in Ucraina, è notizia che anche la Soprintendenza per l'Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna è stata colpita qualche tempo fa dagli hacker, tanto da bloccare per alcuni giorni servizi come le visure del database relativo ai vincoli degli immobili veneziani. Non solo: è giunta anche una richiesta di danaro come riscatto. A rivelarlo è stata ieri mattina la soprintendente, Emanuela Carpani, durante l'atto di firma di un protocollo d'intesa fra la Soprintendenza e la polizia postale. Un atto che prende l'avvio da quanto accaduto ma si trova inserito nella necessità globale di garantire un'elevata sicurezza per la tutela dei beni culturali, anch'essa fortemente dipendente dallo spazio cibernetico. La polizia postale formerà il personale della Soprintendenza, condividendo inoltre dati ed analisi di informazioni idonee a prevenire attacchi o danneggiamenti che possano pregiudicare le infrastrutture informatiche. Il tutto per riscontrare eventuali vulnerabilità ed intervenire nelle emergenze, identificando l'origine degli attacchi informatici.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 29 Giugno 2017, 05:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Attacco hacker: presa di mira pure la Soprintendenza, richiesto il riscatto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2017-06-29 16:28:50
Oltre al Windows e a Linuxubuntu ci sono sistemi operativi chiusi che utilizzano le aziende per essere inviolabili. Se si usano sistemi comuni, anche senza essere backer si corre un grosso rischio. Solo che questi sistemi operativi costano di più.
2017-06-29 20:12:16
alla pubblica amministrazione tutto costa di più. io dico che loro hanno un windows e l'hanno pagato molto di più di uno qualsiasi dei sistemi chiusi cui hai accennato.
2017-06-29 14:52:49
Basterebbe non accedere ai portali non di lavoro durante l'orario di lavoro e non aprire mail "strane". Su questo la polizia dovrebbe formare il personale: essere piu' concentrati solo sugli strumenti di lavoro durante il lavoro. E questo vale per tutti.
2017-06-29 14:00:31
quelli non hanno bisogno degli hacker per stare a casa. quelli della maschio sono in cig finchè non sistemano il sistema. quelli della soprintendenza il sistema l'hanno sistemato?
2017-06-29 10:02:27
L'incapacita' delle partecipate del Comune di Venezia nel gestire le infrastrutture informatiche viene a galla!...