«Lei ha un tumore», seno asportato ma era un errore: Ulss condannata

PER APPROFONDIRE: chioggia, errore, malasanità, seno, tumore
Foto d'archivio

di Gianluca Amadori

VENEZIA - Nel 2007 fu sottoposta a mastectomia per un sospetto tumore al seno e per 3 anni visse nell’angoscia. In realtà non era malata e fu vittima di un duplice errore: il primo del laboratorio d’analisi, il secondo dai sanitari dell’ospedale di Chioggia che decisero di intervenire (senza ulteriori accertamenti) con l’asportazione della mammella. Incredibile caso di malasanità per una 47enne di Chioggia che, a conclusione di una causa durata 5 anni, ha ottenuto dal Tribunale di Venezia una sentenza che condanna l’Auls 14 e del laboratorio Pennelli.

Ad accorgersi che c’era qualcosa di strano nell’iter post operatorio fu la donna che si rivolse a uno studio legale...


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 28 Ottobre 2017, 06:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Lei ha un tumore», seno asportato ma era un errore: Ulss condannata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2017-11-07 10:37:00
oltre il danno anche la beffa dell'asportazione del seno sano.... le mancate diagnosi o errate sono da limitare con la massima attenzione dei medici e delle strutture ospedaliere. www.risarcimentosalute.it
2017-10-29 11:30:41
....al tafano mediterraneo.......la sanita' veneta anche se infarcita da tanti tuoi paisa'.......ti "piaceresse"........!
2017-10-29 09:38:08
Commenti tutti di maschi, che non si rendono conto di che mutilazione sia per una donna l'asportazione del seno, per nulla, poi ! Disquisite di ciò che conoscete.
2017-10-29 08:41:02
Avvisate il pomata e salvini e ditegli che la vostra sanità non è proprio una eccellenza come da tanto vanno a strombazzare in giro per l'itaggliaa...ciao.
2017-10-28 16:46:56
Andrebbero conosciuti tutti i dettagli. Letta cosi' e' una notizia raccapricciante. Per altro un po' strana: ammettendo lo sbaglio con l'intervento frettoloso se non c'era nessun tumore l'avrebbe confermato la biopsia dei tessuti asportati e quindi la questione sarebbe stata chiarita subito dopo l'intervento. O forse la situazione non era cosi' chiara e l'intervento e' stato guiudicato "eccessivo" dal giudice 8o, meglio dai suoi consulenti tecnici). Per altro molte donne ad alto rischio tumorale (comprese attrici famose) si sono sottoposte ad interventi "preventivi", preferendo impiantare una protesi che correre rischi futuri di sviluppare un tumore. E' pure curioso che in altri tempi, di fronte a una storia del genere, le anime semplici avrebbero gridato al miracolo, per la miracolosa scomparsa del tumore. O forse il miracolo c'e' stato davvero.