Mafia, arrestato Antonello Nicosia (Radicali): «Tramite tra carcere e clan», "interessi" anche alla Giudecca

Mafia, arrestato Nicosia: «Tramite tra carcere e clan», aveva interessi per gli appalti alla Giudecca
PALERMO/VENEZIA - Fermato oggi per associazione mafiosa  Antonello Nicosia: l'esponente Radicale definiva il boss Matteo Messina Denaro «il nostro Primo ministro». Non sapendo di essere intercettato parlava della Primula rossa di Cosa nostra come del suo premier. Al telefono discuteva animatamente del padrino di Castelvetrano. E invitava il suo interlocutore a parlare con cautela di Messina Denaro. «Non devi parlare a matula (a vanvera, ndr)», diceva.

 Secondo la Procura di Palermo Nicosia avrebbe fatto da tramite tra capimafia, alcuni dei quali al "41 bis" e i clan, portando all'esterno messaggi e anche ordini.

 
Nicosia ha anche accompagnato la deputata Pina Occhionero (ex Liberi e Uguali, Leu, di recente passata a «ItaliaViva»)  che risulta però estranea alla vicenda) in alcune ispezioni all'interno delle carceri siciliane  ma anche a quello della Giudecca a Venezia: durante quelle visite i boss avrebbero affidato all'assistente della parlamentare dei messaggi da recapitare all'esterno. Ma secondo gli inquirenti avrebbe proposto alla deputata
Occhionero di farsi dare del denaro dai titolari di una cooperativa che, nel carcere femminile veneziano, gestiva
la sezione in cui erano detenute le donne madri.

La Procura di Palermo nell'operazione Passepartout ha fermato 5 persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa e favoreggiamento. In carcere, tra gli altri, è finito il capomafia di Sciacca Accursio Dimino


Capitano Ultimo, il Tar del Lazio accoglie il suo ricorso: bloccata la revoca della scorta

Matteo Messina Denaro, retata a Trapani di fiancheggiatori del superlatitante
 



Nicosia voleva far alleggerire il carcere duro per i boss. «Sfruttando il baluardo dell'appartenenza politica, il Nicosia ha addirittura portato avanti l'ambizioso progetto di alleggerire il regime detentivo speciale di cui all'art. 41 bis o di favorire la chiusura di determinati istituti penitenziari giudicati inidonei a garantire un trattamento dignitoso ai reclusi». Lo scrivono i pm della Dda di Palermo nel provvedimento di fermo che ha portato in carcere Antonello Nicosia.

Antonello Nicosia, 48 anni, originario di Sciacca, è stato eletto nel Comitato Nazionale dal XVII Congresso di Radicali Italiani. Ma è anche assistente parlamentare giuridico-psicopedagogico alla Camera dei deputati, in particolare di Giuseppina Occhionero. Secondo l'accusa aveva una doppia vita, pubblicamente parlava di legalità e diritti dei detenuti, poi invece avrebbe aiutato i detenuti a fare uscire dal carcere dei messaggi alle famiglie mafiose.

Nicosia:
«Falcone? Fu incidente di lavoro». L'uccisione di Giovanni Falcone, nella strage di Capaci del 23 maggio 1992, «fu un incidente di lavoro». A dire queste parole agghiaccianti, senza sapere di essere registrato dalle cimici della Procura di Palermo, è Antonello Nicosia, l'assistente parlamentare arrestato all'alba di oggi con l'accusa di avere veicolato dal carcere messaggi ai detenuti.

L'assistente parlamentare era anche conduttore in tv della trasmissione «Mezz'ora d'aria» e parlava di legalità e diritti, ma dalle intercettazioni degli investigatori usava un altro linguaggio. Come le parole sul giudice Falcone. «È stato un incidente sul lavoro», diceva. Per la procura era in contatto con diversi boss, in virtù del suo ruolo di assistente parlamentare e di direttore dell'Osservatorio internazionale dei diritti umani, onlus che si occupa della difesa dei diritti dei detenuti.

Chi sono i 5 destinatari del provvedimento di fermo dalla Dia di Palermo. I cinque destinatari del provvedimento di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo nell'ambito dell'operazione Passepartout ed eseguito all'alba da militari della Guardia di finanza del capoluogo siciliano e di Sciacca e dai carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Agrigento sono Accursio Dimino, 61 anni, detto 'Matiseddu', già condannato per associazione mafiosa (da ultimo nel 2010); l'assistente parlamentare Antonello Nicosia, 48 anni, accusato di avere veicolato messaggi fuori dalle carceri; Paolo e Luigi Ciaccio, entrambi di 33 anni, e Massimiliano Mandracchia, 46 anni, tutti di Sciacca.

Su disposizione dell'autorità giudiziaria i militari hanno sequestrato agli indagati disponibilità finanziarie, tra le quali una carta di credito collegata a conti esteri, e patrimoniali, tra cui un'imbarcazione, «tenuto conto che gli stessi risultano disporre, anche per interposta persona, di beni e altre utilità in valore sproporzionato al reddito da loro dichiarato», spiegano gli investigatori.

Luigi Di Maio:
«Ribrezzo per le parole di Nicosia su Flacone». «Uno che considera Messina Denaro 'il nostro premier' e che insulta la memoria di Falcone e Borsellino definendo le stragi del 1992 'un incidente sul lavoro' fa ribrezzo. Sono parole sconvolgenti, scioccanti, che indipendentemente dalle implicazioni di Nicosia devono farci riflettere». Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, commentando da Shanghai l'arresto di Antonello Nicosia, membro del Comitato nazionale dei Radicali, accusato di fare da tramite tra i capimafia in carcere e i clan.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 4 Novembre 2019, 07:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mafia, arrestato Antonello Nicosia (Radicali): «Tramite tra carcere e clan», "interessi" anche alla Giudecca
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-11-06 19:45:09
quello che ,preoccupa, quanti restano nel parlamento o in politica come questo tipo?, solo da sperare che BORSELLINO FALCONE E TANTI ALTRI NON SIANO MORTI INVANO.
2019-11-05 12:09:25
E' dal 1840 che al Sud Italia c'è la mafia. Generazioni di meridionali sono cresciuti tra le sue braccia. Ma pensate possibile che dopo quasi 180 anni la loro mentalità possa cambiare ? Impossibile. Tra 200 anni saranno come sono oggi.
2019-11-05 13:02:17
Non si abbatta, anche i veneti avevano la schiena curva, alla mercè del padrone, eppure anche loro hanno rialzato la testa, sia fiducioso e programmi le ferie in Sicilia, sarà come rinascere per lei, almeno glielo auguro...
2019-11-05 13:48:16
Confrontare la mafia sudista con il latifondismo veneto del '900 non a senso alcuno.Due etnie (razze non si può dire) troppo diverse.
2019-11-05 17:57:36
Il latifondismo tipo Galan, Maniero &c., giusto per fare dell'umorismo, data la giornata umida. Faccio tesoro dei proverbi, quello che tiene il sacco è uguale a quello che introduce la refurtiva. La traduzione sarebbe: se la mafia trova qualcosa al nord, significa che qualcuno gliel'ha lasciata trovare, non mi faccia dire di più, altrimenti devo chiederle di prolungare le ferie in Sicilia, che è una battuta, ma...