Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Andrea, il piccolo campione morto
sulle Tofane: 2 milioni alla famiglia

Venerdì 4 Marzo 2016 di Olivia Bonetti
Andrea Rossato e la pista dove cadde

BELLUNO - È arrivata in tribunale a Belluno dopo 5 ore dall’inizio dell’udienza, dopo 5 anni dalla tragedia, dopo 1800 giorni senza Andrea Rossato, la sentenza per la morte del piccolo campione dello Sci Club Nottoli di Vittorio Veneto.


Il bambino mestrino morì a nove anni il pomeriggio del 5 marzo del 2011 lungo la pista Canalino del Canalone sulle Tofane di Cortina nell’ultima discesa con amici, dopo la gara della mattina. Per quella morte sono stati condannati a un anno di reclusione (pena sospesa) il gestore dell’impianto, il 70enne Luigi Pompanin di Cortina dell’Ista spa e l’accompagnatore del piccolo Andrea, l’ingegnere mestrino cinquantenne Giuseppe Bisotto, entrambi imputati di omicidio colposo.
Il giudice Antonella Coniglio ha poi condannato il gestore dell’impianto Pompanin e il responsabile civile, la Toro assicurazione del Gruppo Generali, al risarcimento in solido dei danni alla famiglia che era costituita parte civile: 800mila euro per ciascun genitore e 400mila per il fratello di Andrea. Una somma totale di 2milioni di euro alla quale si aggiungono le spese per le parti civili (42mila euro più Iva e Cpa ovvero cassa previdenza avvocati).

Andrea rossato - Il Gazzettino.it

Ultimo aggiornamento: 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci