Il veneto Armando Varricchio è il nuovo ambasciatore d'Italia a Berlino

Mercoledì 16 Giugno 2021
L'ambasciatore Armando Varricchio

VENEZIA -  Armando Varricchio è il nuovo ambasciatore d'Italia a Berlino. La nomina, ha reso noto la Farnesina, è stata deliberata dal Consiglio dei Ministri a seguito del gradimento del governo tedesco. Armando Varricchio è nato a Venezia il 13 giugno 1961 e ha conseguito la laurea con lode in Scienze Politiche all'Università di Padova nel 1985. È entrato in carriera diplomatica nel 1986 e ha prestato servizio alla direzione generale del personale. Nel 1988 ha svolto il suo primo incarico a Budapest, dove si è occupato di relazioni economiche e commerciali fino al 1992, quando ha assunto alla rappresentanza permanente d'Italia alla Cee a Bruxelles. Di rientro a Roma nel 1996, ha prestato servizio alla Presidenza del Consiglio dei ministri e, nel 1999, è diventato capo di gabinetto del ministro per le Politiche Comunitarie. L'anno successivo è stato distaccato presso la Commissione Europea in qualità di consigliere diplomatico del presidente e suo rappresentante personale/sherpa per il G7 e G8.

Nel 2002 è stato nominato capo dell'ufficio economico all'ambasciata d'Italia a Washington, prima di assumere nel 2006 presso la presidenza della Repubblica, quale  consigliere diplomatico aggiunto. Nel 2009 è stato nominato ambasciatore a Belgrado dove è restato fino al 2013, anno in cui è tornato a Roma alla presidenza del consiglio dei ministri come consigliere siplomatico del Presidente del Consiglio. Nel 2016 è diventato ambasciatore d'Italia a Washington, Stati Uniti, accreditato anche a Bahamas e Giamaica. Il neoambasciatore di Berlino ha assolto il servizio militare nell'Arma dei Carabinieri, è Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica. È sposato dal 1987 con Micaela Barbagallo ed ha due figli, Federico e Umberto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA