«Costretti a vendere le case, fare la manutenzione ci costa troppo»

Venerdì 19 Gennaio 2018 di Roberto Perini
Alloggi Ater
5
CHIOGGIA - L'assessorato alla casa ed alle politiche sociali intende rimpiazzare, quanto prima possibile, tutti gli appartamenti recentemente venduti all'asta e quelli che saranno alienati nell'immediato futuro, realizzandone altri. Lo annuncia l'assessora Patrizia Trapella, da tempo alle prese con l'indisponibilità di case popolari da assegnare alle famiglie meno facoltose. Com'è noto, nei mesi scorsi, si sono anche registrati vari tentativi di occupazione.

«Il Comune -  ammette -  si ritrova nelle condizioni di doversi per forza liberare delle case più vecchie. Non disponendo più di una propria azienda lavori, per le manutenzioni, l'amministrazione cittadina non può far altro che appaltare, di volta in volta, a caro prezzo, ogni intervento alle imprese private. Rincorrendo le emergenze, le spese sono diventate insostenibili. Non ci rassegniamo affatto, tuttavia, ad assistere inerti al graduale depauperamento del patrimonio immobiliare abitativo. Gli alloggi venduti dovranno essere tutti sostituiti. Il Comune, inoltre, sta già facendo tutto il possibile per riavviare un positivo rapporto con l'Agenzia territoriale per l'edilizia residenziale della Regione (Ater) la quale, poco prima di Natale, ha formulato alcune proposte interessanti già al vaglio». Tra queste, la possibilità di far gestire all'ente anche la manutenzione delle case comunali (Edilizia residenziale pubblica). «Disponendo di tecnici e maestranze osserva Trapella l'Ater potrebbe, forse, offrire un servizio migliore a costi ridotti».

Un altro obiettivo, secondo l'assessora, dovrebbe consistere nell'accantonamento di una parte dei proventi ricavati dalla vendita delle vecchie case, per l'immediata riparazione di un certo numero di alloggi liberi ma inagibili. «Le famiglie in graduatoria ...


   © RIPRODUZIONE RISERVATA