Processi troppo lenti, giudice condannato a risarcire 20mila euro

Martedì 27 Dicembre 2016
Il tribunale di Belluno
30
BELLUNO - Per colpa del grave ritardo nel deposito delle motivazioni di sette sentenze penali, lo Stato italiano è stato costretto a risarcire altrettanti cittadini, pagando complessivamente 30 mila euro come rifusione del danno subìto dalle parti in causa per l'eccessiva lunghezza del processo. Ora, a distanza di alcuni anni, il giudice responsabile di quelle lentezze, ritenute irragionevoli e immotivate, è stato condannato a sua volta a restituire 20 mila euro al ministero della Giustizia.
La sentenza, emessa dalla Corte dei conti del Veneto, presieduta da Guido Carlino, riguarda Aldo Giancotti, 60 anni, per molto tempo una delle colonne portanti della sezione penale del Tribunale di Belluno, ora in servizio alla Corte d'Appello di Venezia.

  Ultimo aggiornamento: 08:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA