Duecento fischietti a medici e infermieri per difendersi dalle aggressioni

Martedì 22 Maggio 2018 di Marco Corazza
Fischietti contro le aggressioni in corsia
2

JESOLO - Si va dalle aggressioni verbali alle spinte, dagli schiaffi ai pugni e ad avere la peggio è sempre il personale medico e sanitario: 23 i casi registrati nel 2016, aumentati a 45 nel 2017. Un trend che si rispecchia purtroppo anche in ambito nazionale quello registrato dall’Ulss4 “Veneto orientale”, la quale oggi presenta un progetto sperimentale volto a gestire proprio gli episodi di violenza e a proteggere i propri professionisti vittime di aggressioni. La novità consiste nel fornire 200 fischietti per un periodo sperimentale di sei mesi, al personale dei Pronto Soccorso di San Donà di Piave, Portogruaro e Jesolo; della Psichiatria, del Servizio per le Dipendenze, Centro di Salute Mentale e del Consultorio Familiare di San Donà di Piave e di Portogruaro.
Oltre al fischietto, il personale riceverà anche le relative istruzioni sulle modalità di impiego che saranno differenti in relazione al contesto di utilizzo.  In ambienti maggiormente critici il fischietto potrà anche essere appeso al collo mediante un “laccetto” personalizzato e fornito di sgancio rapido di sicurezza per rendendone più facile l’utilizzo da parte dell’operatore

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci