L'Agenda del Leone 2021 in edicola da oggi con Il Gazzettino

Sabato 28 Novembre 2020 di Riccardo Petito
L'Agenda del Leone 2021 in edicola con Il Gazzettino da sabato 28 novembre

VENEZIA - Gennaio si apre con Il benvenuto del Leone: la celebre statua «un po' leone e un po' chimera» che campeggia a San Marco alla sommità di una delle due colonne della Piazzetta, «eretta sotto il dogado di Sebastiano Ziani (1172-1178), porta d'ingresso della magica Venezia». E che, con un tocco di poesia, «da lassù accoglie i naviganti di ogni sorta, viaggiatori, mercanti crociati e avventurieri, provenienti da ogni paese». L'anno si chiude a dicembre con un altro simbolo: la gondola che «si identifica con la storia del fasto della Dominante».

Aneddoti storici, curiosità e ricorrenze della Serenissima si succedono, settimana dopo settimana nella preziosa Agenda del Leone 2021, da sabato 28 novembre, in edicola con Il Gazzettino a 8,80 euro oltre il prezzo del quotidiano. Firmata da Alvise De Polo per l'editore Bastiani, l'Agenda del Leone 2021 ha per sottotitolo Annotazioni settimanali di notizie storiche della Serenissima. Dopo un completo calendario con il Santo del giorno e le principali Festività, si entra nel vivo. Gennaio prosegue con indicazioni di costume legate al Carnevale, o storiche come la morte il 17 gennaio 1345 del generale Pietro Zeno (soprannominato il Dragone). Presenti suggerimenti per future visite culturali. Ricorda, ad esempio, che al Museo Correr si può ammirare la Bandiera contarina a sei code, per molti il più bel vessillo della Repubblica di Venezia. Si ripercorrono secoli di storia, le Crociate e il Capodanno Veneto del 1 marzo un tempo molto sentito. L'ANNIVERSARIO C'è poi il 25 marzo che riporta alla fondazione di Venezia di 1600 anni fa, anniversario che cade nel 2021 e che l'Agenda celebra: in quel giorno ci fu la posa della prima pietra della chiesa di San Giacometo, «sulla Riva Alta detta Rialto». A seguire il viaggio di Marco Polo, la congiura di Marin Faliero e la ricorrenza di San Marco patrono della Serenissima il 25 aprile con la processione per il suo martirio. Tradizionale lo Sposalizio del mare, nel giorno dell'Ascensione, a ricordare il dominio marittimo di Venezia. Figure come Pietro Orseolo, Sebastiano Veniero, Giovanni Caboto, primo europeo ad approdare in Nordamerica, e Caterina Cornaro. Il 16 agosto San Rocco, data stabilita dal Senato che vide la liberazione di Venezia dalla peste nel 1576. Con un salto, ad ottobre la Battaglia di Lepanto e il 31 ottobre, il primo zecchino d'oro coniato nel 1284 nel palazzo della Zecca, oggi Biblioteca Marciana. E via di seguito per un 2021 che si annuncia un anno in compagnia di Venezia, grazie alle pillole di storia e di curiosità al fianco della quali inserire come in ogni classica agenda - i propri impegni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA