Il Marco Polo si ingrandisce: prima pietra per il nuovo terminal passeggeri

PER APPROFONDIRE: aeroporto, ampliamento, lavori, marco polo
Tessera,  la posa della prima pietra dle nuovo terminal extra Schengen
VENEZIA - Sono iniziati i lavori all'aeroporto Marco Polo di Venezia per l'ulteriore ampliamento del terminal passeggeri, dedicato ai voli area extra Schengen. L'investimento è di 28 milioni di euro e rientra tra le opere previste nel Master Plan dell'aeroporto 2012 - 2021. Alla posa della prima pietra hanno partecipato, tra gli altri, il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, il Sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, l'assessore ai Lavori pubblici del Veneto, Elisa De Berti, il Presidente di Enac, Vito Riggio, ed Enrico Marchi, presidente di Save.

La nuova struttura, che sarà ultimata entro il 2020, costituisce la prima fase dell'ampliamento denominato Lotto2B destinato al traffico extra Schengen, i cui lavori complessivi termineranno nel 2027. Si tratta di un progetto di rilievo per l'attività dello scalo, in considerazione della forte crescita dei volumi di passeggeri extra Schengen, che già oggi rappresentano il 32% del totale. Con i suoi 3.500 mq di estensione, che si aggiungeranno agli attuali 8.000 mq, la nuova opera accrescerà le superfici del terminal con spazi ampi e confortevoli.

«Il nuovo ampliamento del terminal passeggeri - ha detto Marchi - avviene in assoluta continuità con la fase conclusasi lo scorso giugno con l'inaugurazione della nuova infrastruttura. I prossimi anni - ha aggiunto - ci vedranno impegnati in importanti interventi che interesseranno le aree sia Schengen che extra Schengen del terminal e che, entro il 2030, porteranno la superficie complessiva dell'aerostazione a svilupparsi in oltre 180mila metri quadri». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 25 Maggio 2018, 18:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Marco Polo si ingrandisce: prima pietra per il nuovo terminal passeggeri
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-05-27 17:25:42
E dopo i turisti dove ce li mettiamo? Tutti alla ricerca di profitto a scapito dei veneziani.
2018-05-26 12:59:09
@capitanodamar, verissimo l'inquinamento aereo ha un elevato tasso di inquinanti rilasciato nell'aria, CO2, policiclici aromatici, CO,PM 10 PM 2.5 e avanti di questo passo, senza parlare di vibrazioni e rumore. Con una grande differenza però che le sostanze vengono rilasciate non più a livello terra ma verso i 3000/10000 metri, come un manto per Km e Km. Si crea anche una cono d'ombra inquinante al momento dell'atterraggio e del decollo che riversano su una fascia (cono d'ombra appunto) tutti gli inqiunanti nelle immediate vicinanze degli aeroporti. Però è anche inutile puntare il dito ora sulle navi, ora sugli aerei, ora sulle macchine, senza prendere coscenza che per ridurre l'inqinamento bisognerebbe usare meno i mezzi sopra citati, ridurre perciò la nostra libertà di movimento di viaggiare. Un po' come per i cellulari nessuno vuole le microcelle (antenne) vicino casa ma nessuno rinuncerebbe mai al cellulare allo smartphone. Si tratta di educare in maniera differenti le persone la popolazione dei continenti supresviluppati. Ci vorrò un'altro millenio. Approposito quanto inquina una guerra? Come vede caro capitanodamar...si può aggiungere sempre qualcosa Ma la risposta non spetta agli altri.....ma a noi.
2018-05-25 22:08:19
CHE BEI 😂😂😂
2018-05-25 22:07:24
Ma tutti sono contro le grandi navi perché' , oltre ad altre problematiche, inquinano l'aria......mi domando ma un ingrandimento dell'aeroporto con un ovvio aumento di traffico aereo non aumenta l'inquinamento?????
2018-05-25 20:22:32
l'aeroporto con le tasse aeroportuali piu alte d'Europa! e io pago!...